Poppi, incontro sulla sanità: buone notizie e cattive notizie

Riflessione post tavolo tecnico. Prima le buone notizie.
All’incontro hanno potuto assistere i cittadini che erano presenti. Lo consideriamo questo un bel passo avanti dopo troppe (forse) riunioni a porte chiuse. Bravo Sindaco.
Altra notizia positiva. Tutti i sindaci si sono mostrati uniti, nei fatti, e con le parole, nel difendere l’autonomia del distretto socio sanitario del Casentino.
Ora le noti dolenti. Ben difficilmente il distretto del Casentino potrà essere risparmiato.
Avanti allora con la proposta dell’ANCI FEDERSANITÀ che prevede l’accorpamento con la Valtiberina. Se rimangono così le cose (ma è già stata garantita la modifica della delibera regionale) la soglia dei 100.000 abitanti non sarebbe più condizione discriminatoria ed il nuovo distretto sarebbe più spendibile (due sotto-ambiti con un rappresentante per zona?).
Continueremo nel volerci capire di più poiché la materia è fluida, ma ciò che più ci appassiona è il futuro del Casentino.
Ed in tutto questo, continuano a stonare i recenti patti territoriali. Se prima si faceva fatica a comprenderli, ora proprio non si capiscono più nel contesto dei nuovi distretti. Ahinoi, come ha detto la rappresentante della ASL, sono stati firmati e non si cambiano.
Sarebbe quasi da dargli ragione, ma se cambiano oggi quelle condizioni? Anche i matrimoni si rompono quando non si va più d’accordo. Figuriamoci un patto territoriale!

LISTA CIVICA POPPI LIBERA