Poppi, spettacolo teatrale rievoca la battaglia di Campaldino

Uno spettacolo teatrale mette in scena la vicenda della battaglia di Campaldino, dell’11 giugno 1289, uno dei conflitti che cambiarono le sorti politiche e militari dell’epoca e che contribuirono alla nascita dell’epopea del grande Rinascimento fiorentino. Si intitola “Quel maledetto San Barnaba”, rappresentazione della battaglia vista però da un’ottica particolare, quella cioè delle donne: mogli, figlie, madri dei protagonisti che osservano dalle finestre del Castello di Poppi la preparazione e lo svolgimento dello scontro. Il testo, pur essendo improntato al rigore della ricostruzione storica, concede abbastanza anche alla leggerezza e i toni del dramma si confondono con quelli più ironici della commedia. Questo perché la fruibilità dell’opera sia estesa non solo agli studiosi ma alle persone comuni che desiderano passare una serata istruttiva e al tempo stesso accattivante. Alla stesura del testo ha collaborato fra gli altri anche l’On, Riccardo Nencini, autore alcuni anni fa di un bel volume proprio dedicato alla battaglia di Campaldino, alla quale prese parte anche Dante Alighieri combattendo nell’esercito fiorentino. Autore e regista è Alessandro Bandecchi. Lo spettacolo, promosso dai Rotary Club “Arezzo Est” e “Casentino”, va in scena nella corte del Castello domenica 21 maggio alle 21:15.
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa

Ultimi Articoli

Un pensiero ogni tanto: “Il primo stato della lana”

Il primo stato della lana Eccola così come nasce dall’animale; grezza e appena soffice, a prometter calore. Per nulla bianca e anche un poco maleodorante, ma ambita ed essenziale. La...

Colacem, a Natale un bonus di 500 euro ai dipendenti

In occasione del Natale, il Gruppo Financo ha deciso di inserire un bonus di 500 euro netti nella busta paga dei propri dipendenti. “Si tratta”...

L’Isis di Bibbiena al top della classifica Eduscopio

OTTIMI RISULTATI NELLA CLASSIFICA DI EDUSCOPIO  “Soddisfatti per come la nostra scuola emerge dall'annuale classifica di Eduscopio. Avere un posto in classifica così alto significa...