Poppi, Torneo di Ferragosto: Landolina si impone su Valeri

Il finalista Lucio Valeri con la vicepresidente dell'UP Campaldino Sara Beni

Si è concluso ieri (domenica 20 agosto) il consueto torneo di Ferragosto organizzato dall’U.P. Campaldino e giunto quest’anno alla sua 51^ edizione. Il tradizionale torneo è sicuramente uno dei più longevi appuntamenti tennistici della provincia di Arezzo e ormai da qualche anno è inserito nel “Circuito delle Vallate Aretine”. In più, proprio da quest’anno, è diventato un torneo di 3^ categoria limitato ai 3.4. Di ottimo livello, infatti, la partecipazione dei tennisti alla competizione poppese che ha visto ai nastri di partenza 41 giocatori di 4^ e di 3^ categoria provenienti da tutta la provincia di Arezzo e anche da più lontano. In finale si sono affrontati Lucio Valeri (4.1, beniamino di casa e anche presidente del circolo poppese) e Matteo Landolina (3.4 appartenente all’Eur Sporting Club e venuto da Roma appositamente per partecipare al torneo). Valeri, forse comprensibilmente emozionato di giocare davanti al pubblico di casa e per di più da presidente del circolo stesso, comincia il match piuttosto contratto per poi sciogliersi durante i primi games e riportare la partita in sostanziale equilibrio. Landolina, però, forte della giovane età, di un ottimo diritto e di un servizio devastante riesce ben presto a portare l’inerzia del match dalla sua parte. Alla fine si impone 6-3, 6-3 e porta a Roma l’ambito trofeo di Ferragosto. Entrambi i giocatori, comunque, hanno mostrato un ottimo tennis e spesso anche colpi spettacolari. Da una parte la potenza e il gioco moderno del romano, dall’altra la tecnica e il tocco sopraffino del portacolori poppese. Da sottolineare anche la prova di Nicola Fani (3.5 tesserato per l’U.P. Campaldino) che si è arreso in semifinale, in 3 combattuti set, proprio al vincitore del torneo; e di Antonio Giuntini (3.5), anche lui semifinalista e lo scorso anno finalista del torneo. Ottima, come sempre, l’organizzazione del torneo da parte di tutto lo staff dell’U.P. Campaldino che ha reso onore ad uno dei circoli più belli della provincia di Arezzo.