Poppi, un nuovo capitolo nella storia del Centro Giovani “Centroanchio”

Il Comune amplia l’offerta di proposte per giovani e famiglie

Il Centro Giovani “Centroanchio” di Ponte a Poppi, nato come punto di aggregazione per molti adolescenti del territorio, non soltanto comunale, si trasforma da quest’anno in un progetto di più ampio respiro, volto a incrementare e migliorare i servizi per bambini, adolescenti e famiglie. Ne parlano l’Assessore alla Politiche giovanili Elisabetta Corazzesi – che ne ha seguito la nascita e la crescita dal 2009 ad oggi – e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Lisa Bucchi, che supporta il lavoro sul fronte scolastico. Le nuove attività sono state pensate per le diverse fasce di età. Sono state realizzate l’Area Bimbi, l’Area Giovani, lo Spazio Disturbi dell’Età Evolutiva, l’Area Adulti. Si tratta di progetti ideati per soddisfare le esigenze di diverse individualità e per favorire lo sviluppo collettivo, affrontando temi artistici, sociali e cognitivi.
Dal nuovo anno inoltre sono state promosse alcune novità come il baby parking, “Hakuna Matata”, per i più piccoli (18 mesi-5 anni); il “Cinebimbi”, con la proiezione di film di animazione; il doposcuola “ATTIVAmente” per affiancare i ragazzi nei compiti scolastici. Sono solo alcuni esempi, ai quali aggiungiamo le iniziative per gli adulti come i gruppi di sostegno alla genitorialità, con specialisti del settore. Le nuove iniziative sono state pensate anche sul fronte delle pari opportunità: i nuovi servizi vengono incontro alle famiglie e alle donne con figli piccoli. Insomma una veste nuova per “Centroanchio”, uno spazio che cerca di accogliere quanto più possibile ogni necessità, offrendo non soltanto un punto di riferimento per tutti gli abitanti della zona, ma anche un’occasione di incontro, di gioco, di amicizia e di sostegno, in un clima tanto professionale quanto familiare.

Poppi, 11 febbraio 2017.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa