Raggioli Store: 55 anni di attività e 3 generazioni

A BIBBIENA ENTRO L’ANNO UN GALA’ PER FESTEGGIARE L’IMPEGNO E LA STORICITA’ DEL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO
Ieri il Sindaco Filippo Vagnoli ha fatto visita e conferito una targa al negozio Raggioli Store, da 55 anni una delle anime più vive del centro storico di Bibbiena.
Oggi il negozio di abbigliamento è gestito da Francesco e Alessia che portano avanti l’orgoglio e l’impegno di tre generazioni.
Furono i nonni Armando ed Evelina Raggioli ad iniziare questa attività mettendo il loro nome nella storia del Dopoguerra di Bibbiena.
I fratelli Patrizio e Patrizia raccolsero la loro energia che poi hanno passato ai giovani che oggi continuano ad accettare la sfida del rinnovamento.
Bellissima è la foto dei nonni con la prima licenza che i ragazzi hanno voluto esporre nel loro negozio, con nonna Evelina che sorride sotto un espositore di jeans.
Da oggi insieme a quelle foto avrà un posto anche la targa lasciata dal Sindaco che recita: “Alla ditta Raggioli, che in questi 55 anni ha portato la moda nel nostro piccolo centro, facendoci vivere l’attualità in ogni momento della nostra vita. Vorremmo celebrare la storicità di un luogo e le idee degli imprenditori che lo hanno fatto crescere, la loro voglia di andare avanti anche in un futuro incerto, la loro determinazione nel vestire ancora le nostre idee”.
Il Sindaco Filippo Vagnoli commenta: “Ho accolto con gioia e soddisfazione la storia che mi è stata raccontata perché è una storia di coraggio, energia, rinnovamento e resilienza. Il negozio dei Raggioli rappresenta un punto di riferimento per un centro storico le cui realtà commerciali sono frutto di un passaggio generazionale importante. Per questo motivo, dopo aver conferito la targa a Patrizio e Patrizia, abbiamo deciso con l’Assessore competente Daniele Bronchi, di organizzare prima della fine dell’anno un Galà del commercio del centro storico proprio per festeggiare la storicità e l’impegno di queste realtà simbolo del nostro territorio e simbolo anche di ripartenza”.