Rai: è casentinese il giudice della Prova del Cuoco di questa settimana

Alessandro Esteri alla Prova del Cuoco

Capello corto e brizzolato, barbetta bianca ben curata e un paio di occhiali neri (possiamo anche dirlo) alquanto fashion. Un “guru della moda”, come lo definisce Antonella Clerici. Sicuramente un personaggio che si fa notare. E ora chiamato, come giudice della settimana, a pronunciar sentenza in una delle più seguite trasmissioni culinarie della Tv: la Prova del Cuoco. Si chiama Alessandro Esteri e, nella vallata casentinese, è conosciuto per la sua attività di imprenditore e designer. Nasce a Roma nel 1961 e porta avanti, immerso nei boschi del Parco nazionale delle foreste casentinesi (nel Comune di Poppi), il suo marchio Lost & Found, con la moglie canadese Ria Dunn (stilista classe 1978). Si forma come fotoreporter in zone di guerra, prosegue poi come fashion photographer. Viaggia per il mondo; collabora con la Vogue Studios a Parigi, conosce colleghi importanti grazie ai quali si sposta anche negli Stati Uniti. Come a New York, dove approda in molte società commerciali quali GQ e Amex. La sua figura cresce fino a vederlo entrare in contatto con clienti di grosso calibro, quali Paco Rabanne, Credit Agricole, La Coste, Casino, Carrefour e tanti altri. Poi inizia la sua avventura in proprio; fino a portarsi il lavoro “a casa”. Dal 2007 fonda infatti il brand aretino con la coniuge Ria trovando «nella cittadina Toscana – si legge sul blog di D La Repubblica – un ambiente dal minimalismo caldo e dall’approccio profondo alla moda e alla vita capace di riflettere a pieno la loro interiorità». «I collaboratori che popolano la “mini farm” di Poppi – dichiarano invece sul sito di Vogue –, rappresentano perlomeno sei diverse regioni italiane e soprattutto molti continenti» a rimarcare l’apertura mentale che ne caratterizza lo stile. Un’azienda che stupisce anche per la varietà dei suoi articoli: «Lost&Found – afferma, infine, la coppia sul Sole 24 Ore – fu registrato da subito per 18 categorie di prodotto: iniziammo con l’abbigliamento ma ora disegniamo, produciamo e distribuiamo calzature, accessori, foulard, mobili, complementi d’arredo e persino la birra, che si può trovare da Eataly. Tutto fatto in Italia, anzi, in Toscana». E dalla Toscana, anzi, dal Casentino, siamo pronti a seguirlo anche in questa sua nuova avventura tra gli studi della Rai… tra una portata e l’altra, ovviamente.

 

Ultimi Articoli

Fermento in Casentino: l’allarme del Comitato Casentino libero dai nuovi OGM

Cosa sono i nuovi OGM e perché c'è preoccupazione nel mondo dell'agricoltura Casentino (AR) - C’è fermento nel mondo dell’agricoltura e inquietudine da parte dei...

Decolla in Casentino la raccolta firme per la modifica della legge toscana sulla Rete Pediatrica

Primo obiettivo rendere strutturale la presenza del pediatra il sabato mattina all'Ospedale di Bibbiena. Domenica 21 aprile, a Pratovecchio, durante il Mercatino dei Ragazzi...

Castel Focognano: Lorenzo Remo Ricci si ricandida nel segno della continuità

Ricci: «La mia candidatura è l’espressione della volontà di continuare un progetto di cambiamento già avviato con successo e in gran parte realizzato nel...