“Ro & Ro”: da Poppi un eclettico duo sulle orme di J. Bordoni

Roberto Zuccari e Piero Lanini

Uno spettacolo intimo, coinvolgente e imprevedibile che si basa sulla trasposizione in musica dei testi di Jacopo Bordoni: una forma di intrattenimento culturale, culinario e soprattutto partecipato!

Il Casentino pullula di artisti di tutti i tipi fin dai tempi più remoti e gli spettacoli offerti nel corso degli anni nella nostra vallata sono proprio per tutti i gusti. Oggi portiamo alla ribalta un duo, anzi un trio, particolarmente variegato: si tratta di PieRO Lanini musicista e cantautore e ROberto Zuccari che nella vita fa l’apicoltore… il terzo?

E’ Jacopo Bordoni.

Bordoni è stato un prolifico e coltissimo poeta che ha vissuto qui a cavallo tra la fine l’800 e i primi del 900. Annovera almeno 4 pubblicazioni letterarie ed innumerevoli collaborazioni con le riviste dell’epoca. Vissuto tra Soci e Poppi era «un grande “leggitore” perchè era uno che leggeva molti libri» racconta Lanini.

L’idea viene da lontano, circa 10 anni fa, quando Piero Lanini arrangia con la chitarra alcuni testi di Bordoni. «Nel 2010 uscì un disco, a cura della “Società del Chiassobujo” dal titolo “Jacopo Bordoni muratore poeta ribelle” che ebbe ottime recensioni. Fu anche organizzato un piccolo tour con molto  pubblico ma di difficile gestione dato il numero dei componenti».

Oggi ROberto offre la propria voce per le letture che intervallano la chitarra di PieRO.

Di spettacoli all’attivo ce ne sono ben 3 (quando si poteva, sic!) tutti sold-out come si dice in tempi moderni! In un’atmosfera “da osteria” si serve ai convenuti un’oretta abbondante di cultura letta e cantata tra una portata e l’altra.

La convivialità qui la fa da padrona e coinvolge il pubblico dei commensali.

«L’ideale è una situazione con 25-30 persone» racconta Roberto «anche per una questione pratica e di servizio al tavolo, di solito la gente partecipa e non è neanche necessario conoscere i testi di Bordoni» infatti una volta eseguita la scaletta relativa al poeta, il duo spazia anche tra autori contemporanei. Insomma un buon proposito per i tempi che verranno, quando potremo tornare a stringerci al tavolo perchè va aggiunto un posto.

Potremmo iniziare con qualcosa di nostrano! Un poeta, un narratore e un cantautore che sapranno appassionarci con le loro storie e la loro musica. Potremmo anche sorprenderci nel constatare che molti componimenti si adatterebbero perfettamente anche ai giorni nostri e non solo a un secolo fa!

Questo articolo, insieme a molte altre storie casentinesi, è pubblicato nel numero di CasentinoPiù Magazine attualmente in edicola.