Sanità, la denuncia del PD di Soci: «Nel territorio, sempre meno medici di base!»

Il Circolo PD di Soci denuncia una situazione di emergenza verificatasi nella Sanità Territoriale. Il Casentino infatti non è stato dichiarato per tempo “zona carente” per quanto concerne la medicina di base, impedendo l’assunzione di nuovi medici a sostituzione di coloro che sono andati in pensione. Nello specifico ricordiamo che ultimamente sono andati in pensione i medici Ducci, Bigiarini, Minelli, tutti operanti nel comune di Bibbiena e in particolare a Soci, Partina e Serravalle. Secondo i parametri della normativa vigente, il rapporto ottimale è di un medico ogni 1.000 pazienti. Allo stato attuale i medici operanti nel comune di Bibbiena hanno in media 1.368 pazienti, ben oltre il parametro previsto dalla normativa. A breve andrà in pensione anche il dr. Rossi, per cui questo numero è destinato a salire. E’ inutile rimarcare l’importanza sociale e assistenziale che ricopre il medico di famiglia per la popolazione, soprattutto per gli anziani e le persone in difficoltà, per i quali ricopre un ruolo fondamentale nell’ascolto, nella cura e nell’assistenza giornaliera. Come PD non possiamo ignorare questa problematica, soprattutto perché, da quanto emerso, pare che ci saranno difficoltà per la sostituzione dei medici pensionati entro l’anno, visti i ritardi accumulati e i tempi ristretti. Inoltre riteniamo che i pazienti debbano essere assistiti da un medico presente nelle frazioni, senza dover ricorrere a qualcuno che operi in altre sedi. Il circolo PD di Soci raccoglie l’esigenza della popolazione e si rivolge al Sindaco, al Distretto sanitario, alla ASL Toscana Sud-Est ed alla Regione Toscana affinché siano trovate soluzioni tempestive a questa problematica.

Circolo PD Soci
27 novembre 2017