Si costituisce il “Comitato Mandrioli”: una realtà che unisce Casentino e Romagna

Si è ufficialmente costituito il “Comitato Mandrioli”, nelle persone di Riccardo Acciai, Elena Magnani, Danilo Bigiarini, Stefano Marri e Carlo Alessandri. Il Comitato, una realtà “bipartisan” che comprende cioè sia cittadini del versante casentinese che di quello romagnolo, è un’iniziativa che nasce a Badia Prataglia, in pieno Parco Nazionale, la frazione più grande del comune di Poppi; da qui spesso partono proposte, proteste e iniziative varie per difendere l’unica via di comunicazione che collega il paese con il fondovalle casentinese e con la Romagna, appunto il valico dei Mandrioli. Una strada che nel versante romagnolo, secondo i promotori del Comitato, appare dimenticata.

Passo dei Mandrioli

“Lo scopo del comitato infatti – scrive in una nota sul proprio profilo Facebook Riccardo Accia, consigliere di maggioranza al Comune di Poppi – è quello di promuovere la messa in sicurezza della strada provinciale 142, che collega Bagno di Romagna a Badia Prataglia, nella parte di competenza della provincia di Forlì-Cesena. Dopo tre anni di inutili segnalazioni, telefonate, lettere e sollecitazioni varie, dopo che tutte le promesse sono state disattese e dopo che passeremo ancora un inverno con una strada priva dei più fondamentali elementi di sicurezza per un valico di montagna (catarifrangenti, segnaletica orizzontale, parapetti e paraslavine), siamo passati ad una operazione estrema che è quella della protesta civile”.

Riccardo Acciai

Il passo dei Mandrioli è posto a 1173 metri di altitudine. È una parte della strada statale 71 Umbro Casentinese Romagnola, e venne progettato dall’architetto Alcide Boschi e realizzato negli anni dal 1870 al 1882. Da allora il tracciato è rimasto sostanzialmente inalterato, con i suoi tornanti e i precipizi, le curve e le pendenze mozzafiato; al panorama roccioso e spoglio dal versante romagnolo, dove troneggia la formazione marmoso-arenaria degli Scalacci, fa da contraltare la lussureggiante vegetazione del tratto casentinese, che introduce alle riserve biogenetiche più importanti dell’area protetta e scende appunto fino a Badia Prataglia. Con oltre un secolo di storia, il passo dei Mandrioli oggi è une delle porte di accesso al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. “Nei prossimi giorni – conclude il post di Riccardo Acciai – inizierà una campagna di informazione e raccolta firme di adesione al comitato, sia in Toscana che in Romagna”.

Poppi, 06 gennaio 2018

Ultimi Articoli

“Bicicletteide”, le storie del ciclismo in scena nei borghi di Ortignano Raggiolo

Tra martedì 16 e giovedì 18 agosto si terrà una mini-rassegna teatrale a cura di Samuele Boncompagni. Le tre serate di racconti sono in...

Bibbiena e Subbiano, firmata la convenzione per la Centrale Unica di Committenza

Questa mattina i Sindaci dei comuni di Bibbiena e Subbiano, Filippo Vagnoli e Ilaria Mettesini, si sono trovati per una firma importante che porterà...

Nel borgo in musica di Poppi, tante presenze e tanta magia

E’ stata una serata all’insegna della convivialità, della musica, dei desideri e della magia, quella magia che da sempre caratterizza la serata di San...