Sindaci e comitato “Salviamo l’ospedale” insieme per la sanità casentinese

Foto di Carlo Gabrielli

Un incontro importante tra sindaci e società civile rappresentata dal Comitato “Salviamo l’Ospedale” a favore di uno scopo comune che è quello della salvaguardia del nostro sistema ospedaliero e non solo. Questo è l’avvio di un percorso insieme per ottenere risposte certe su temi fondamentali per la tenuta sociale del nostro territorio”. Questo il commento del Sindaco Filippo Vagnoli Presidente dell’Articolazione zonale della sanità.

L’incontro è avvenuto tra l’articolazione zonale della sanità ovvero i sindaci e i delegati del Comitato. Il focus su cui si sono concentrati è un documento redatto dai delegati del comitato stesso a conclusione di un importante lavoro di ascolto fatto con i vari professionisti del settore.

A questo proposito Filippo Vagnoli commenta: “Sono particolarmente soddisfatto di ciò che è emerso da questo incontro e soprattutto dalla volontà di Sindaci e Comitato di lavorare in sinergia per un obiettivo comune. Adesso dobbiamo lavorare insieme per ottenere risposte certe per sostenere il nostro tessuto sanitario che rappresenta, e rappresenterà soprattutto nel futuro, la prerogativa essenziale per la sopravvivenza dei nostri piccoli territori”.

I temi contenuti del documento sono divisi su tre direttrici fondamentali:

1-     rafforzamento delle piante organiche soprattutto per Pronto Soccorso, Salute Mentale e Chirurgia

2-     lavorare per tornare al distretto del Casentino

3-     portare avanti i lavori di recupero dell’ala del vecchio ospedale per le Cure Intermedie

Il Presidente dell’articolazione Filippo Vagnoli conclude: “E’ troppo tempo che attendiamo queste risposte. Credo che questo connubio sia fondamentale in questo momento storico per ottenere alcune cose fondamentali per il Casentino e la sua sanità. Ringrazio il Presidente del Comitato Alessandro Giovannini per il suo impegno, sono certo che la nostra collaborazione ci possa portare ad ottenere risultati importanti per il bene di tutti”.