Summit a Chiusi della Verna: la Via di Francesco prende forma tra idee, proposte e nuovi investimenti

 

Per la prima volta tutti i 26 comuni coinvolti si sono seduti allo stesso tavolo per rendere grande il progetto.

Quella di oggi rimarrà una giornata storica per la Via di Francesco: i 26 comuni toscani si sono infatti seduti per la prima volta ad uno stesso tavolo per lavorare in sinergia e rendere grande il progetto. Tutti i sindaci del versante aretino e fiorentino si sono dati appuntamento nel Santuario della Verna per un confronto con la Regione, rappresentata dalla vice presidente del Consiglio Regionale Lucia De Robertis e dall’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli. Durante l’incontro sono state raccolte idee, riflessioni e nuovi progetti sui quali lavorare, con l’impegno del comune coordinatore Chiusi della Verna, di mettere subito in campo 30 mila euro per la realizzazione della mappa cartacea. Presenti, oltre al sindaco Giampaolo Tellini che ha aperto l’incontro insieme a Padre Michele della comunità francescana, le associazioni dei Cammini di Francesco, con gli interventi di Giovanni Tricca e Marta Signi, l’architetto coordinatore dei progetti Roberta Fabbrini e per l’Università degli Studi di Firenze Gianluca Bambi. La Regione oggi ha dato conferma di come la Via di Francesco sia al centro dei suoi obiettivi di promozione e ha ribadito il suo ruolo di supporto alle amministrazioni comunali di entrambi i versanti.

“Il comune di Chiusi della Verna sente la responsabilità del ruolo e del mandato che gli è stato conferito dai 16 comuni dell’asse fiorentino prima e dagli 11 comuni dell’asse aretina poi – ha dichiarato il sindaco di Chiusi della verna Giampaolo Tellini – momenti come quello di oggi sono fondamentali per fare il punto, programmare e ripartire portando avanti tanti progetti necessari a rendere percorribile tutto il percorso. Come capo fila il comune di Chiusi della Verna investirà da subito 30 mila euro per la realizzazione di quella che sarà la prima guida cartacea della Via di Francesco”.

“La Regione supporta le amministrazioni coinvolte in un progetto importante e affascinante che si sta trasformando da percorso storico a turistico-spirituale – ha dichiarato l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli – un progetto che si intreccia con la Ciclovia dell’Arno e con gli eventi culturali del territorio, creando tutte le condizioni perché venga apprezzato e diventi meta battuta con una ricaduta economica verso quei territori montani che ne hanno bisogno”.

“La giornata di oggi testimonia il grande lavoro di coordinamento sia tecnico che amministrativo che stiamo mettendo in campo sulla Via di Francesco – ha dichiarato Roberta Fabbrini architetto coordinatore del progetto – un impegno quotidiano che in incontri come quello di oggi, in cui si è vista grande partecipazione dei 26 comuni coinvolti, ripaga di tutto il lavoro svolto”.

“La Regione continuerà come ha fatto fino ad oggi a fare la propria parte supportando il progetto – ha dichiarato in chiusura la vice presidente Lucia De Robertis – dobbiamo continuare a lavorare insieme, fianco a fianco, facendo ulteriori passi avanti. Ognuno deve fare la propria parte per rendere grande un progetto che ci vede tutti vincitori, se insieme inseguiamo lo stesso fine”.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa