Turismo, Casentino da record: il report regionale sulle presenze

Il report regionale sulle presenze turistiche in Casentino


Vagnoli: “Abbiamo lavorato tutti insieme, comuni, sindaci, privati e Parco Nazionale e questi risultati sono di tutti e ci danno forza per il futuro”.

Il report regionale sulle presenze turistiche nei 28 ambiti turistici toscani nel periodo 2005-2022, porta il Casentino tra gli ambiti di successo e lo incorona tra quelli con la performance migliore.

A renderlo noto, dati alla mano, è il primo cittadino di Bibbiena Filippo Vagnoli che commenta: “In Casentino le presenze turistiche sono schizzate alle stelle, lo vediamo dal report reso noto dalla Regione Toscana su tutti i 28 ambiti turistici della regione. I numeri ci rendono orgogliosi sul lavoro fatto tra comuni e strutture private e anche il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Nel report leggiamo che, rispetto al 2005 -anno di partenza della analisi in questione – nel 2022 le nostre presenze in valle sono aumentate del 52% in totale e del 150% se guardiamo i numeri sugli stranieri. Siamo davvero felici e orgogliosi di condividere con tutti questi grandiosi risultati frutto di un lavoro di squadra incredibile e frutto dell’impegno delle varie amministrazioni all’interno dei propri comuni”.

Nel report si legge che nel 2005 le presenze in Casentino si attestavano sulle 125 mila mentre nel 2022 siamo arrivati a 191 mila; per gli stranieri si registra una performance ancora più sorprendente poiché si passa dalle 32 mila unità del 2005 alle 83 mila persone nel 2022. Vagnoli commenta: “Siamo felici di questo risultato confermato, su Bibbiena, anche dalle presenze record registrate nel 2022 ovvero 30 mila. Accanto al lavoro fatto con l’ambito turistico, dobbiamo considerare il grande impegno dei privati che hanno fatto grandi investimenti in strutture e in formazione e mi complimento con tutti loro. Il Parco Nazionale, inoltre, sta diventando grazie a una promozione mirata sul turismo sostenibile e naturalistico, una meta importante e livello internazionale. A Bibbiena il dato record delle 30 mila presenze ha delle ragioni fondate legate ovviamente anche al trend generale del Casentino, ma anche un nuovo modo di fare accoglienza. I privati hanno investito sulle loro strutture e su servizi sempre più di qualità. Come amministrazione inoltre abbiamo investito molti fondi per migliorare la vivibilità e l’immagine dei nostri borghi storici e dei centri. Nel centro storico di Bibbiena abbiamo dato vita a una riqualificazione importante così come in altri centri più piccoli. Abbiamo potenziato il punto info turistiche presso il Museo Archeologico che, nel contempo è cresciuto nell’offerta dei servizi di qualità a ogni visitatore. Abbiamo completato e inaugurato la Galleria fotografica a Cielo aperto più grande d’Europa che sta attirando visitatori da tutta Italia e da oltre i confini italiani. Abbiamo attivato tre ostelli organizzati per i pellegrini e quindi il turismo dei cammini storici compreso quello della via Romea Germanica. Abbiamo completato la ciclopista dell’Archiano collegandola a quella dell’Arno fino a Camaldoli. Abbiamo riorganizzato anche dei punti per i turisti come l’area verde di Freggina in stretto collegamento con l’area protetta. Sono state rifatte le cartine turistiche anche in doppia lingua, creato i box per le strutture ricettive e potenziato la App per informazioni anche sulle manifestazioni. I grandi risultati sono legati dunque a un durto lavoro che vorremmo continuare anche nel futuro”.

Il Sindaco di Bibbiena conclude facendo una riflessione sui dati riportati anche da altri ambiti toscani: “E’ importante fare anche una riflessione più ampia sugli altri territori per capire i grandissimi risultati del Casentino. A Firenze le presenze sono aumentate ma solo del 10%; il Chianti registra un aumento del 30%, mentre per esempio la Versilia ha una diminuzione, passando da 2 milioni e 600 mila presenze a 2 milioni e 300 mila presenze. Questo per far capire che la nostra terra ha margini importanti di miglioramento nel futuro e che il lavoro di squadra, con gli investimenti dei privati e quelli delle amministrazioni, possono far crescere ancora di più questo comparto che anche se non primario, è comunque strategico. Ringrazio tutti coloro che si sono impegnati per ottenere questo risultato e la nostra Assessora al Turismo Francesca Nassini”.

 

 

Ultimi Articoli

Castel Focognano: Lorenzo Remo Ricci si ricandida nel segno della continuità

Ricci: «La mia candidatura è l’espressione della volontà di continuare un progetto di cambiamento già avviato con successo e in gran parte realizzato nel...

Prime anticipazioni per Naturalmente Pianoforte 2024: ecco alcuni degli artisti presenti

EUGENIO FINARDI, PAOLO JANNACCI E FRIDA BOLLANI MAGONI È un concerto speciale quello che aprirà il festival e che avrà come protagonisti Paolo Jannacci e...

La Bibbiena Nuoto continua a stupire in Toscana e non solo

La Società Sportiva Bibbiena Nuoto si è resa protagonista di una primavera trionfale, con un ricco medagliere regionale e due dei suoi tesserati ai...