Un gesto di solidarietà che si rinnova a Bibbiena (photogallery)

Il mercatino di beneficenza di Santa Maria è la storia di 25 anni di lavoro, attenzione e solidarietà verso il prossimo.  Nasce dall’idea di Uberto Biagiotti, sociano che, negli anni ’80, decide di allestire al santuario un mercatino di beneficenza, offrendo i frutti del suo orto e del suo lavoro. Da piccolo mercato alimentare negli anni l’iniziativa cresce in estensione e qualità, grazie all’impegno di un gruppo di volontarie impegnate nella gestione del mercatino e nella fornitura degli articoli per la vendita. I prodotti arrivano come donazione da numerose ditte e negozi casentinesi, dalle mani di sarte, cuoche, ricamatrici, che lavorano in casa durante l’anno, e da qualche benefattore d’eccezione come il calciatore Emanuele Giaccherini, tutti uniti per mantenere la promessa di aiuto, che da vent’anni si rinnova, a Padre Aldino e alle sue missioni.

Nel santuario di Santa Maria ha infatti sede il centro missionario domenicano, gestito da Padre Giuseppe e nato come strumento di collegamento tra  l’Italia e le missioni in Pakistan e Guatemala. Ne è Referente Padre Aldino Amato, missionario da 54 anni, che nel tempo ha costruito e mantenuto istituti per non vedenti, scuole di vario grado e un ospedale nella poverissima cittadina di Rhampur (Punjab). L’anno scorso grazie all’incasso del mercatino, Padre Aldino ha potuto acquistare un grande generatore di corrente per l’ospedale, mentre per quest’anno desidererebbe realizzare un impianto fotovoltaico con cui alimentare le scuole e l’ospedale.

Il mercatino riapre sabato 26 novembre e si conclude giovedì 8 dicembre con le seguenti aperture:

sabato 26 novembre pomeriggio, domenica 27 novembre mattina e pomeriggio, sabato 3 dicembre pomeriggio, domenica 4 dicembre mattina e pomeriggio, mercoledì 7 dicembre pomeriggio, giovedì 8 dicembre mattina e pomeriggio.

Il ricavato anche quest’anno sarà, oltre al prodotto di tante energie spese e tanta cura, anche la somma di donazioni fatte dagli acquirenti del mercatino, ultimo anello di questa lunga catena di solidarietà.

Quindi andate fra i mercatino e la pesca di beneficenza a curiosare tra tovaglie, sciarpe, dolci, oggetti d’antiquariato, cappelli fatti a mano, coperte, libri, cd, soprammobili, centrini, serviti e..tanto altro!

Santuario di Santa Maria del Sasso, Bibbiena ( AR)

7

Rhampur. Generatore di corrente acquistato con il ricavato del mercatino 2015
Rhampur. Generatore di corrente acquistato con il ricavato del mercatino 2015

7

scolaresca Rhampur

7

7

allestimento mercatino 2015
allestimento mercatino 2015

7

Mercatino 2015

7

Ingresso mercatino di beneficenza
Ingresso mercatino di beneficenza

 

 

 

 

 

Ultimi Articoli

L’uva Sangiovese: l’anima della viticoltura italiana

Il vitigno Sangiovese, emblematico e profondamente radicato nella tradizione enologica italiana, in particolare della Toscana, rappresenta l'anima di alcuni dei vini rossi più celebrati...

Il Casentino punta sull’artigianalità con l’azienda Freschi&Vangelisti

Denise Vangelisti:” Si può andare avanti solo guardandosi indietro. L’artigianalità e la riscoperta della bellezza saranno le nuove sfide del futuro” “Sostenibilità, artigianalità e umanità....

Fermento in Casentino: l’allarme del Comitato Casentino libero dai nuovi OGM

Cosa sono i nuovi OGM e perché c'è preoccupazione nel mondo dell'agricoltura Casentino (AR) - C’è fermento nel mondo dell’agricoltura e inquietudine da parte dei...