Un pensiero al giorno: “Adesso vado a scuola”

Adesso vado a scuola

Io adesso vado a scuola perché sono grande,

sono così grande che il mio zainetto è enorme al mio confronto,

ma non importa perché è di Elsa e Anna.

Quando sono entrata dentro la mia aula, c’erano tanti bambini,

qualcuno anche più grande di me, ma qualcuno più piccolo.

Qualcuno piangeva, molti giocavano e anche io mi sono messa a giocare.

Ogni tanto mi voltavo verso la mamma, che non si toglieva la borsa,

e pensavo; mica vorrà andarsene via!

Poi, ad un certo punto lei se ne è andata e tutto mi è sembrato ancora più grande.

Ho giocato, un poco coi bambini, ma molto da sola,

a dire la verità, non sono molto abituata a giocare coi bimbi,

non perché non ho amichetti anzi,

alcuni figli degli amici di mamma e di babbo

li conosco e ci sto volentieri, ma io ho soltanto tre anni

e in questo tempo deve essere successo qualcosa di strano,

perché a un certo punto non li ho potuti vedere più.

Certo che il mondo dei grandi è strano davvero…

Comunque in questa scuola dei grandi sto bene,

anche se mi manca la mia casa e i miei genitori,

a dire il vero, mi mancano un pochino anche Bad e Vera,

che sono i miei cani,

ma quando ritorno a casa nel pomeriggio,

lì ritrovo e per loro è finita la “pacchia”.

Ora che sono grande e che vado alla scuola dei grandi,

mi sa che dovrò capire tante cose,

una in particolar modo dovrò proprio capirla…

che la vita dei grandi è davvero tanto complicata!

Ad Aria e a tutti i bambini che hanno dovuto capire…

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce nel 1964 e “arranca” tutta la vita alla ricerca della serenità, quel qualcosa che le è stata preclusa molto spesso. La scrittura è per lei una sorta di “stanza” dove si rinchiude volentieri immergendosi in mondi sconosciuti e talvolta leggiadri. Lavora come parrucchiera a Poppi e gestisce il suo salone con una socia. E' madre di due figli che sono per lei il nettare della vita e scrive, scrive ormai da molti anni anche per un Magazine tutto casentinese che si chiama “Casentino Più”. È riuscita a diventare giornalista pubblicista grazie proprio al giornale per cui scrive e questo ha rappresentato per lei un grande traguardo. Al suo attivo ha ben sette libri che sono: “Le brevi novelle della Marina", “L’uomo alla finestra”, “Occhi cattivi”, “Respira la felicità”, “Un filo di perle”, “La sacralità del velo”, “Le mie guerriere, quel bastardo di tumore al seno”. Attualmente sta portando avanti ben due romanzi ed è felice! È sposata con Claudio, uomo dall’eterna pazienza.

Ultimi Articoli

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...

“La cultura della fatica”: il 19 giugno la presentazione del progetto al castello di Porciano

Il 19 giugno alle ore 17:30, presso il castello di Porciano, è prevista la presentazione del progetto "La cultura della fatica" promosso dall'Unione dei...

Tutto pronto per la Granfondo Città di Poppi: boom di iscrizioni

A una settimana dall’evento si può già dire che la Granfondo Città di Poppi sarà un grande successo. Il numero di iscritti ha già...