Un pensiero al giorno: “Eri vestita di nero”

Eri vestita di nero

Eri vestita di nero,
sola, in quell’immensa grandezza.
Il tuo capo era chino sopra a ricordi passati,
ricordi che nessun tempo potrà mai sbiadire.
Eri vestita di nero, e piccola, e triste.
Sei stata forte per anni, ferrea, con i tuoi ideali radicati e precisi,
sempre “agghingata” di mille colori e da mille cappelli retrò.
Ma ora, vestita di nero, non sembri che una piccola donna
triste e invecchiata, e divisa dal lutto.
Adesso che sei vestita di nero, e che traballi come foglia nel vento
ci dai la misura di cosa conti davvero,
perché non c’è regno, o ricchezza, o potere che renda diverso il dolore!

CONDIVIDI
Articolo precedente18/04: Covid, in Casentino 18 nuovi casi
Prossimo articoloInvestimenti in Borsa, cosa vuol dire azioni sottovalutate
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.