Un pensiero al giorno: “Gatto Saverio”

Foto di Darkmoon_Art da Pixabay

Gatto Saverio

Sei entrato nella stanza, sornione, col tuo passo felpato di gatto. Ti sei accomodato sul mobile bello, e te ne sei stato lì, a goder della mostra e di tutti i suoi avventori.

Sospiravi ogni tanto, e il tuo manto, sul quale prevale il nero, lasciava intravedere il tuo soffio lieve. Ad ogni carezza di gente, ti offrivi alle dita, e ne lasciavi notare tutta l’avidità di cui sei capace. Eri bellissimo lì sopra Saverio, perché estremamente abituato all’uomo e alle sue stramberie. Averti nella saletta con noi è stato particolarmente interessante, perché tu, dagli abitanti di Poppi e da tutti coloro che ti conoscono, non sei trattato come un gatto qualunque, anzi, qualcuno ha perfino insinuato che possa reincarnare un qualche personaggio di questo nostro bel borgo, qualcuno che non intende andarsene via per sempre. Sento che questa, sta per diventare una leggenda straordinaria.

Marietta, la tua amica a due gambe, quella più importante di tutte, mi ha raccontato che qualche tempo fa sei sparito per circa tre giorni, e che per te sono state versate lacrime e spese energie da parte di tutti coloro che ti hanno cercato, e, successivamente dei medici che ti hanno visitato e curato quando sei saltato fuori dal nulla, forse, si presuppone, da un fondo che era stato chiuso con te all’interno.

Sai, Saverio, la tua amica a due gambe, mi ha anche raccontato che durante il Lockdown, apparivi triste perché il bar dove hai scelto di passare gran parte del tuo tempo, era chiuso, e la gente per le strade si poteva contare sulle dita di una mano, dentro ad una giornata. Certo, non ti mancava del cibo e dell’acqua perché Torello al mattino veniva a rifocillarti, ma quello era il meno, a te mancava la gente, mancavano quelle mani che cerchi ogni volta, in ogni qualcuno, perché tu ne hai bisogni per vivere Saverio, e noi gente stramba, lo abbiamo capito e ti amiamo di quell’amore che tu chiedi continuamente.

Anche alla mostra di quadri di quelle due “Mari”, sei stato un ospite d’eccellenza, ci hai fatto compagnia con la tua pace di gatto che si fida degli uomini, e noi siamo certe che questa tua fiducia ci porterà positività, del resto, se dentro di te alberga qualcuno e questo qualcuno ti ha portato ad osservare una mostra di dipinti e pensieri, qualcosa vorrà pur dire. Di certo si tratterà di un personaggio voglioso di sapere, di assaporare, di crescere…

E noi, gente stramba a due gambe… ti vogliamo bene. Grazie Saverio

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteApprovato il bilancio di Lfi: 1,6 miloni di utile
Prossimo articoloAl via la rassegna “TEATRO DEL FIUME” con lo spettacolo FIABE JAZZ
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.