Un pensiero ogni tanto: “E poi si è riacceso…”

Foto di Claudio Barolo

E poi si è riacceso…

Te ne stavi al buio coi tuoi pensieri e

con la tua storia, tu, che ne hai avuta tanta,

tu, con le tue pietre che hanno il sapore del tempo,

della bellezza e della maestosità.

Ma poi ad un tratto ti hanno spento, ti hanno messo a tacere

e non è stata più la solita cosa per un paio di giorni,

quella collinetta, dove te ne stai seduto, ci appariva più triste senza di te.

Ma poi gli uomini di oggi, che si adoperano e curano il tuo fascino

che rappresenta un simbolo importante nella vallata dove risiedi da secoli,

ti hanno vestito di nuovo,

e un fascio di luce diversa, studiata e mirata,

ti ha avvolto e reso bellissimo.

Spiccavi sul tuo piedistallo e quando alla mezzanotte ti sei nuovamente acceso, 

facendo mostra di te,

abbiamo provato una forte emozione, perché tu ci appartieni,

così, come noi apparteniamo a te.

Anche la luna dall’alto contribuiva alla tanta bellezza

e col suo occhio fiero, assisteva all’evento, quando a un certo punto,

ci è apparsa più piena.

Oggi hai un abito nuovo, studiato,

oggi le tue pietre saranno vivide e tu non dovrai più nasconderti,

perché non devi farlo anzi,

vantati e tieni in mostra tutta la tua bellezza,

tu che non hai bisogno di colore,

ma che per essere meraviglioso, ti basta un maglio di luce che ti si posa addosso

e ti invade, e ti fa essere bello e che ci rende orgogliosi di te!

CONDIVIDI
Articolo precedenteDalla mezzanotte di stasera il Castello di Poppi sarà di nuovo illuminato
Prossimo articoloA Bibbiena si organizzano corsi per l’uso del defibrillatore
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.