Un pensiero ogni tanto: “Qualcosa di bello e immensamente brutto”

Qualcosa di bello e immensamente brutto

Era originario del Marocco è vero,

sicuramente la sua carnagione era un pochino più bronzata della nostra

e il suo accento meno italiano,

ma il suo cuore batteva all’interno di lui,

batteva forte quando si è reso conto che due bambini stavano annegando

e batteva ancora quando si è gettato in mare

 a portare soccorso.

E il mare lo ha accolto e lasciato essere uomo,

essere eroe,

e ha salvato i due ragazzini,

ma poi ha ceduto, la fatica e lo stress subiti,

hanno avuto la meglio e lo hanno abbattuto,

così il suo cuore ha cessato di battere,

ma, senza farlo smettere di essere eroe!

Grazie Rahhal

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Voci dal Casentino: “Martedì d’autore”… incontri letterari in una cornice perfetta

L’Associazione culturale “La cornucopia” e nella fattispecie il presidente Giulio Locatelli, scrittore e poeta subbianese, ha istituito per più martedì estivi, degli incontri riguardanti...

Bibbiena, tutto pronto per l’inaugurazione dell’Imagine Camp di Santa Maria

Gli street Artist Andrea Crespi e Manu Invisible hanno completato il lavoro sulla pace nel campo da basket di Piazzale John Lennon che sarà...

Oltre 2 milioni di euro per la rigenerazione culturale, sociale ed economica di Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo

Unici territori della vallata ad aver vinto il bando ministeriale.  Uno straordinario risultato per Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo, i due comuni casentinesi accomunati...