Un pensiero ogni tanto: “Qualcosa di bello e immensamente brutto”

Qualcosa di bello e immensamente brutto

Era originario del Marocco è vero,

sicuramente la sua carnagione era un pochino più bronzata della nostra

e il suo accento meno italiano,

ma il suo cuore batteva all’interno di lui,

batteva forte quando si è reso conto che due bambini stavano annegando

e batteva ancora quando si è gettato in mare

 a portare soccorso.

E il mare lo ha accolto e lasciato essere uomo,

essere eroe,

e ha salvato i due ragazzini,

ma poi ha ceduto, la fatica e lo stress subiti,

hanno avuto la meglio e lo hanno abbattuto,

così il suo cuore ha cessato di battere,

ma, senza farlo smettere di essere eroe!

Grazie Rahhal

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Patrimoni Educanti, cultura ed educazione per lo sviluppo locale

Quella in programma sabato 11 febbraio 2023 alle Officine Capodarno di Stia, è una giornata, realizzata grazie al sostegno del Settore Patrimonio Culturale, Museale e Documentario, Siti Unesco...

Ancora un successo della Freestyle Dance School di Bibbiena

Domenica 5 febbraio si è svolta, al Teatro Petrarca di Arezzo, la nona edizione del concorso internazionale “Piero della Francesca”, ormai uno degli eventi...

Alberto Maggi e il suo negozio “sulle lastre” da 100 anni

Il Sindaco: “Alberto rappresenta il piccolo commercio locale, la sua forza e la voglia di mantenersi vivo e attivo per il futuro dei nostri...