Un pensiero ogni tanto: “Reati”

Reati

L’uomo, inteso come essere umano, è capace di bassezze indicibili.

È inutile stare ad elencarle, i TG di tutto il mondo ne sono saturi,

e ne vomitano i risvolti.

Certo, è vero che ci sono retai e reati,

alcuni di questi danno la nausea, altri, stringono il cuore,

altri ancora tolgono il respiro, mentre “arranchi”

per cercar di capire.

Ma ieri sera non ho potuto fare a meno di piangere,

sì piangere, perché ho immaginato una scena e mi sono vergognata;

Un uomo si è sentito male e si è accasciato per terra,

il suo malore era importante, Invasivo, distruttivo, finale.

Era sera lo so, ma un uomo che si sente male, non sceglie quando farlo

e lui è rimasto lì, per terra, lungo una via, vicino a una piazza.

Passi svelti gli scorrevano accanto, lo vedevano e andavano veloci,

qualcuno si sarà pur chiesto se fosse stato un “barbone”,

uno di quegli uomini che hanno scelto di svolgere la propria vita per strada,

se si fosse sentito male, o magari, fosse caduto. Niente, nessuno si fermava

e Renè è rimasto là fuori all’agghiaccio dove è morto,

e non ci è dato sapere in quanto tempo se ne sia andato,

l’unica cosa che ci hanno fatto sapere è che lì,

per strada, accoccolato come un fantoccio di stracci,

René c’è rimasto per ben nove ore,

ore fatte di gente che passava,

che si voltava, e che per scelta decideva di non avvicinarsi,

di non chiedere aiuto.

L’agghiaccio di quelle ore notturne svolte nel mese di gennaio,

sono niente In confronto a quei cuori che hanno resistito

a non chiamare qualcuno,  

gli stessi che poi sono entrati al calduccio nelle loro dimore.

Chissà se sono riusciti a dormire, a baciare il capo dei loro figlioli,

sinceramente io mi dissocio da queste persone, che a chiamarle così,

faccio grande fatica.

L’umanità se resta impassibile davanti ad un uomo accasciato per terra

è un’umanità di cui io mi vergogno.

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Corsalone, casentinese arrestato per spaccio

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena nella loro attività di controllo sulle arterie principali della valle, in località Corsalone, hanno fermato un'auto sospetta con...

Incontri ravvicinati: intervista a Paolo Vanacore

Ho conosciuto Paolo Vanacore a Roma durante la presentazione di Achab, rivista letteraria uscita con il numero 100 dedicato a Pier Paolo Pasolini, su...

Un nuovo Info Point nel centro storico di Poppi

Dalla giornata di lunedì 8 agosto, nel Centro Storico di Poppi, è attivo un info point dedicato alle informazioni turistiche e alla promozione del...