Una variante da 5 milioni di euro! Santa Mama – Calbenzano: al via la procedura di gara

Corei, Ceccarelli e De Bari

Cinque milioni di euro, due chilometri di strada, nuove rampe e allargamento del tracciato attuale. Un progetto mirato, ma impegnativo, che è stato presentato ieri (20 settembre 2017, ndr), presso la sede del Genio Civile di Arezzo (via Arrigo Testa, 2), relativamente alla variante della Strada Regionale (SRT) 71, nel tratto che collega Calbenzano a Santa Mama. Saranno precisamente 1,82 i km di percorso interessati dal piano dei lavori. La maggior parte di questi, saranno impiegati nella costruzione di un nuovo tracciato stradale parallelo al tratto presente e, la parte restante, vedrà ampliata la propria carreggiata fino a 9,5 metri di larghezza. La motivazione che ha scaturito la necessità di un intervento di questo tipo è nata in risposta ai gravi incidenti che hanno riguardato proprio questa sezione di strada Regionale. Statistiche alla mano, si registrano sette gravi tamponamenti che hanno causato la morte di quattro persone e il ferimento di altre venti. I dati riportati rientrano però in un periodo di riferimento che va dal 2009 al 2014, senza contare, dunque, i casi avvenuti anche negli ultimi anni.

Oltre agli ingegneri che hanno spiegato tecnicamente le procedure di intervento, il progetto è stato presentato dall’Assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, dal Consigliere provinciale con delega alla viabilità Gabriele Corei e dal Sindaco di Subbiano (comune a cui compete l’area interessata) Antonio De Bari.

La SRT 71 che conosciamo oggi, informano i relatori, farà da supporto alla nuova struttura, alla quale è collegata tramite due sostanziali punti di accesso. Si elimineranno, così, le possibili situazioni di pericolo che potevano derivare dalle numerose intersezioni a raso che la caratterizzano (sono ben undici) e dal passaggio a livello della stazione LFI di Santa Mama, indiscutibilmente critico perché sprovvisto di sbarre.

«Anche in momenti di difficoltà economica – afferma dunque Ceccarelli – cerchiamo di investire sulla sicurezza stradale e nel miglioramento della viabilità. Questo progetto è importante perché permette di valorizzare e rendere più accessibile l’unica direttrice che collega il Casentino al capoluogo». I costi relativi all’intervento, specifica ancora l’assessore, sono totalmente a carico della Regione Toscana. Alla Provincia invece, dichiara Corei, spetterà, successivamente, il compito della gestione ordinaria del nuovo assetto stradale. Lo stesso relatore, ha colto poi l’occasione per informare la stampa dell’imminente apertura dei lavori del primo lotto della variante di Santa Mama; altro intervento che ha visto congiunto il lavoro tra Regione e Provincia.

Infine, il sindaco di Subbiano, manifestando la sua soddisfazione riguardo al progetto, ha dovuto evidenziare la situazione critica in cui si trova attualmente il piccolo borgo di Santa Mama che rimarrebbe tagliato fuori dal piano di intervento. A tal proposito, assessore e sindaco hanno considerato di inserire due rampe che consentirebbero l’accesso agevolato al paesino. Le spese relative a quest’ulteriore operazione, che non rientrerebbero nello schema originario, vedranno pertanto il contributo delle casse del Comune.

Per quanto riguarda le tempistiche relative ai lavori, dalla Regione affermano che «la progettazione esecutiva è in fase di ultimazione e la procedura di gara sarà avviata entro il 2017. L’avvio dei lavori si prevede fra il settembre e il dicembre 2018 e, la fine, nella primavera 2020».