Venerdì 2 settembre il 78° anniversario di Monte Pomponi

Venerdì 2 settembre la commemorazione di Eldo Capanna ed Otello Boccherini, giovani paracadutisti della Folgore uccisi dai tedeschi nel settembre 1944

È in programma venerdì 2 settembre in località Monte Pomponi la cerimonia di commemorazione del Tenente Eldo Capanna e del Sergente Otello Boccherini, giovani paracadutisti della Folgore caduti per mano dei tedeschi il 3 settembre 1944.

Nato dallo sfaldamento della Divisione Paracadutisti “Nembo” dopo l’8 settembre 1943, il I squadrone da ricognizione “Folgore”, Squadrone F, si pose al servizio delle Forze Alleate, inquadrato all’interno della I Divisione Canadese ed impiegato in missioni esplorative dietro le linee nemiche con il compito di aprire la strada alle truppe angloamericane. Nel settembre 1944 alcune squadre furono inviate in Casentino con l’obiettivo di fornire informazioni sull’attività tedesca nelle zone del Passo della Consuma e del Monte Falterona. Eldo Capanna ed Otello Boccherini, in missione nella zona di Monte Pomponi, vennero catturati e, dopo atroci torture, furono uccisi il 3 settembre 1944 dai soldati della Wehrmacht, rifiutandosi di fornire informazioni sui movimenti delle Forze Alleate.

Sul luogo del massacro un monumento ricorda gli “Eroi dello Squadrone F” decorati con la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria.

Il programma della giornata prevede alle ore 10.30 la cerimonia ufficiale alla quale interverranno il Ten.Col. Baldo Pastorello del 185º Reggimento Paracadutisti Ricognizione Acquisizione Obiettivi “Folgore” di Livorno, Francesco Piantini, presidente del Consiglio Comunale di Pratovecchio Stia, Giuliano Caroti, presidente dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia sez. di Arezzo, gli eredi di Capanna e Boccherini e rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma.

La celebrazione si concluderà, condizioni meteo permettendo, con lo spettacolare aviolancio di un gruppo di paracadutisti del 185º RRAO, unità di forze speciali inquadrata nel Comando delle Forze Speciali dell’Esercito (COMFOSE).

Ricordiamo che, per l’importante contributo dato alla memoria di Capanna e Boccherini, il 4 novembre 2018 l’Amministrazione comunale ha conferito la cittadinanza onoraria di Pratovecchio Stia alla Bandiera di Guerra del RRAO, oggi erede del primo reparto paracadutista da ricognizione della storia italiana.

ELDO CAPANNA nato ad Anzio nel 1917 Tenente cpl. Fanteria, paracadutista Div. Nembo

Motivazione della MEDAGLIA AL V.M. ALLA MEMORIA

Ufficiale paracadutista di alte virtù militari, durante una rischiosissima azione esplorativa oltre le linee tedesche, nel generoso tentativo di riportare indietro un sottufficiale ferito, cadeva con lui prigioniero. Sottoposto ad atroci torture, perché rifiutava di fare rivelazione sulla nostra situazione, le sopportava con serena fierezza finché veniva barbaramente trucidato a colpi di pugnale e di bastone. Magnifico esempio di stoicismo e di elevato senso del dovere”.

OTELLO BOCCHERINI nato a Roma nel 1918. Sergente Genio, paracadutista Div. Nembo

Motivazione della MEDAGLIA AL V.M. ALLA MEMORIA

“Sottufficiale paracadutista di alto rendimento, volontario di un reparto di arditi di ricognizione, caduto ferito e fatto prigioniero durante una difficilissima azione esplorativa oltre le linee tedesche, rifiutava sdegnosamente di fare rivelazioni relative al suo reparto nonostante le atroci sevizie alle quali veniva sottoposto dai tedeschi che, infine, lo trucidarono barbaramente a colpi di bastone.

Esempio di eroico stoicismo e di elevato senso del dovere”.

Ultimi Articoli

Attenzione rallentare. In questo paese i bambini giocano ancora per strada

“Attenzione rallentare. In questo paese i bambini giocano ancora per strada”. E’ questo il messaggio che riporta il cartello che l’amministrazione di Bibbiena sta...

Da Poppi a Caorle per partecipare al campionato italiano: Miriam Nanuti gareggerà nella disciplina del salto in alto

La giovane Nanuti Miriam Cristina del gruppo Atletica Casentino Poppi, è stata convocata nella rappresentativa Toscana per la specialità di salto in alto e...

Proteggere le foreste casentinesi dai cambiamenti climatici: ecco il progetto che punta a dare una svolta

Un’intera giornata dedicata al progetto Life Systemic, promossa dall’Unione dei Comuni Montani del Casentino al fine di proteggere le foreste del territorio dai sempre...