Voci dal Casentino: “Babbo raccontami ancora”, il sogno di Gregorio Bartolucci

Finalmente Gregorio Bartolucci sta per coronare il suo sogno.

Quasi un anno fa avevo sentito il bisogno di intervistare Gregorio Bartolucci perché mi incuriosiva ciò che raccontava su facebook. Si trattava di storie, ma non propriamente storie inventate, bensì storie di vita quotidiana che gli si svolgevano sotto gli occhi, e quasi sempre l’interprete principale, anzi, la protagonista assoluta, era sua figlia Aida.

Ricordo che era stato bello parlare con lui, perché questo giovane uomo ha il potere di infilarti dentro a ciò che sente, a ciò che per lui conta di più. Alla fine della nostra chiacchierata io ero assolutamente convinta che i pensieri che Gregorio dedicava ad Aida, li avrebbe dovuti racchiudere in un libro, perché sarebbe stato qualcosa di originale e anche utile a tutti coloro che lo avrebbero avuto fra le dita, in quanto ciò che narra nei suoi racconti, va ben oltre la quotidianità, la normalità di guardar scorrere il tempo.

Gregorio ha infatti legato insieme molti di questi racconti e poi fatti leggere a una casa editrice che, come immaginavo li ha trovati sublimi, e che è pronta a pubblicarli attraverso questo libro che sta per nascere e che sarà pieno zeppo di storie, e pensieri, e vita. Sì, quello di Gregorio Bartolucci sarà un libro magico, un libro che farà bene a tutti coloro che lo leggeranno, che scalderà i cuori facendoli tornare indietro nel tempo, ma soprattutto farà valutare come dovrebbero stare le cose, a quei genitori che si vedono sfuggire i propri figli da sotto le dita, magari non prestando loro troppa attenzione.

E adesso finalmente potremo godere dei “racconti di un babbo”, una sublime raccolta di brevi storie che insieme formano il primo libro di Gregorio Bartolucci, dal titolo: “Babbo raccontami ancora”, che sarà intriso d’attenzione, quella di un padre innamorato della sua piccolina, un padre che possiede un cuore tumultuante ogni qualvolta volge lo sguardo verso la sua Aida.

Credo fortemente, e lo dico in primis da amica di Gregorio, ma anche da autrice di racconti, che “Babbo raccontami ancora” andrà ad impreziosire le nostre librerie e lo farà con un’unica pretesa, quella di avere tra i nostri libri, un qualcosa di diverso, qualcosa che ci farà riflettere, gioire, piangere e sperare che nel mondo ci siano tanti occhi di padri attenti come quelli di babbo Gregorio!

In bocca al lupo Greg, io faccio il tifo per te, e mi raccomando… raccontami ancora!

Sarà possibile sostenere la pubblicazione del libro sopracitato pre – ordinandolo a questo link: https://bit.ly/36m7t5s  al fine di raggiungere l’obiettivo prefissato dalla stessa casa editrice. Grazie

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Influenza dei bambini, il Casentino aumenta l’assistenza pediatrica

Al via dal 7 febbraio un ambulatorio di supporto pediatrico. Le modalità di accesso al servizio Dal 7 febbraio sarà attivo un ambulatorio di supporto pediatrico (attività...

La neve nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi a TG2 Weekend

Domani (sabato 4 febbraio) - alle 13.30 - TG2 Week end ospiterà uno speciale sulla stazione principale del programma di "Neve e natura" nel parco nazionale...

Riunione dei circoli PD Casentino: un manifesto per un nuovo Partito Democratico

Tempo di ascolto dell'articolo: 2'17" Si è tenuta ieri, giovedì 2 febbraio, alle ore 21, nella Sala comunale del Corsalone, una riunione congiunta dei Circoli...