Voci dal casentino: “Donne è arrivato l’arrotino”

Donne è arrivato l’arrotino

Purtroppo non si udirà più la sua voce, non quella straordinaria dell’arrotino della nostra vallata, perché Marcellino Lettig ha messo via la sua compagna di vita, quella bicicletta che gli ha permesso di consumare chilometri e chilometri portando la sua arte in ogni dove.

Marcellino è stato un uomo sottile, per niente invadente, un uomo che talvolta in cambio dell’arrotatura di qualche coltello, o magari di qualche forbice, altro non chiedeva che un pezzo di pane e un bicchiere di vino, donando così il suo servizio a quelle famiglie che altrimenti non avrebbero avuto altri mezzi per poterlo compensare.

Marcellino Lettig è stato un uomo straordinario, saturo di quella cultura raccattata per strada, quella cultura vera, tangibile, ed anche se da piccola mi nascondevo quando veniva al paese con la sua bicicletta perché urlava per richiamare la gente mettendomi un poco di soggezione, e che invece da grande il destino me lo ha fatto trovare di nuovo facendomelo vivere e respirare come vicino di casa, dandomi così l’opportunità di conoscendolo a fondo.

Mi sono sentita sciocca più volte negli anni rammentando il timore che avevo ad incontrarlo quando ero piccola, perché il nostro arrotino è stato davvero un “signore” di quelli veri, tanto che quando lo incontravo appena fuori dall’uscio di casa, mi faceva sempre un lieve inchino salutandomi, e ciò capitava più volte al giorno. Sono state innumerevoli le volte che ci siamo fermati a discorrere e i racconti di cui mi ha fatto dono, mi hanno arricchita non poco.   

Ora la piccola via in cui abito sarà sicuramente meno colorata, meno allegra perché orfana di una persona davvero speciale, un uomo dritto e fiero, un grande lavoratore che ha portato il suo saper fare in tutta la nostra vallata e anche molto più in là.

Mi mancherà Marcellino, mi mancherà tanto che non oso immaginare quanto mancherà ai suoi due figli e al suo unico nipote, perché gli uomini di una così elevata eccellenza, non possono che mancare a tutta quanta la popolazione.

E allora la mente vola fino a farmi sentire ancora la sua voce mentre grida: Donne è arrivato l’arrotino!

Ciao Marcellino e grazie per quello che sei stato con me, con noi, adesso sarò io a farti il mio inchino! 

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Un pensiero ogni tanto: “Mamma, è sparito il castello”

Mamma, è sparito il castello Tempo di ascolto dell'articolo: 1'03"   -Mamma, mamma è sparito il castello… - Mentre pronunciava queste parole il bambino stava voltato verso il...

Conferenza sindaci, eletto il sindaco di Sovicille: il commento di Vagnoli

“Ieri la proposta dell’Assessore Tanti che mi ha sostanzialmente scelto come il nome adatto per ricoprire il ruolo di presidente della conferenza aziendale dei...

Da oggi si può ottenere il marchio del Parco Nazionale Foreste Casentinesi: ecco come fare

Il marchio del parco nazionale delle Foreste casentinesi. Nel trentennale della sua istituzione, parte il progetto che permetterà all'area protetta di "consigliare" aziende agricole, strutture...