A Poppi gli studenti della University of Rochester (NY)

SI RAFFORZA LA COLLABORAZIONE TRA LA BIBLIOTECA RILLIANA DI POPPI E LA UNIVERSITY OF ROCHESTER (NY)

Si è concluso sabato 2 luglio il Centennial Program Dante Alighieri in Poppi, 1321-2021, organizzato dalla University of Rochester (NY) per il settecentenario dantesco e rimandato al 2022 per le restrizioni della pandemia da COVID19.

16 studenti universitari americani sono stati ospitati per 3 settimane nei locali della sezione moderna della Biblioteca comunale Rilli Vettori di Poppi, impegnati in un corso di studi diretto dalla Prof. Donatella Stocchi Perucchio (University of Rochester) e dalla Prof. Alessandra Baroni Vannucci (University of Rochester).

La collaborazione tra le due istituzioni risale ai primi anni Duemila quando l’allora bibliotecario Alessandro Brezzi accolse e guidò tra gli scaffali della biblioteca antica il primo gruppo di ragazzi provenienti dall’Università di Rochester venuti in visita a Poppi. Da allora l’appuntamento si è ripetuto quasi con cadenza annuale, ogni estate, al punto che, nel 2019, è stata valutata la possibilità di prolungare la permanenza degli universitari attraverso l’istituzione di un vero e proprio corso estivo di studi.

Gli studenti, partendo dall’analisi di alcuni preziosi manoscritti, incunaboli e libri antichi della biblioteca, hanno potuto approfondire tematiche dantesche, di storia locale, di storia del libro e di applicazione di nuove tecnologie per lo studio del manoscritto, sotto l’esperta guida di docenti italiani e stranieri di fama internazionale.

Non sono mancate escursioni formative in altre sedi casentinesi e aretine, ai castelli di Romena e Porciano, alle illustri chiese cittadine di Arezzo e all’Eremo di Camaldoli e alla sua preziosa biblioteca antica.

L’Amministrazione di Poppi ha accolto con entusiasmo la proposta presentatale ormai più di 2 anni fa, nella convinzione che il progetto conferisse ulteriore prestigio culturale a un’istituzione bibliotecaria come quella della Rilliana che gode già di una vasta fama consolidata a livello mondiale per quello che riguarda la ricchezza e l’importanza del suo fondo antico. Ma è stata considerata anche la portata promozionale che un’operazione di questo tipo poteva generare, non solo per Poppi ma per l’intero territorio.

Sicuramente un passo importante verso una proficua collaborazione che mira a costruire una rete di relazioni e progetti culturali finalizzati ad un reciproco vantaggio: di apprendimento e conoscenza per gli studenti, a cui viene concessa la straordinaria opportunità di lavorare, sotto attento controllo del corpo docente, su materiale originale; di predisposizione di strumenti che ottimizzino la promozione e fruizione del patrimonio antico per la Biblioteca Rilliana, i cui cataloghi e inventari necessitano di continue revisioni e correzioni alla luce delle nuove informazioni rese disponibili dagli studi più recenti e dalle nuove tecnologie digitali, adottando un linguaggio più comunicativo, bilingue, in grado di fornire informazioni comprensibili anche ad un pubblico di non addetti ai lavori.

Ultimi Articoli

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...

“La cultura della fatica”: il 19 giugno la presentazione del progetto al castello di Porciano

Il 19 giugno alle ore 17:30, presso il castello di Porciano, è prevista la presentazione del progetto "La cultura della fatica" promosso dall'Unione dei...

Tutto pronto per la Granfondo Città di Poppi: boom di iscrizioni

A una settimana dall’evento si può già dire che la Granfondo Città di Poppi sarà un grande successo. Il numero di iscritti ha già...