Bambini e sport: perché è importante e quali sono i più adatti

Lo sport fa parte della nostra cultura e quotidianità. Potente strumento in grado di abbattere ogni barriera, l’attività fisica aiuta grandi e piccoli a stare bene con sé stessi, sia fisicamente che mentalmente. Praticato fin da piccoli, infatti, lo sport permette di sviluppare abilità fisiche e sociali molto importanti, come quella d’imparare a essere membro di una squadra, applicabili poi nella vita.

L’importanza dello sport per i bambini

L’attività fisica regolare favorisce lo sviluppo e migliora la salute. A livello fisiologico, negli adulti, ma soprattutto tra i più piccoli, lo sport stimola l’attività cardiovascolare e facilita la formazione di ossa, tessuti e legamenti. L’attività fisica potenzia anche il metabolismo portando, di conseguenza, alla riduzione dell’obesità anche tra i più piccoli. Videogame, Internet, TV e persino i compiti a casa tendono a incentivare uno stile di vita sedentario. Questo, può portare non solo a obesità, ma anche a malattie strettamente correlate come il diabete di tipo 2.

Lo sport, inoltre, è anche un vero e proprio insegnante di lezioni di vita positive. Disciplina, pazienza e dedizione. La partecipazione ad una disciplina consente ai bambini di stringere amicizie durature, sviluppare capacità comunicative, imparare il rispetto, superare facilmente le avversità e provare un piacevole senso di aggregazione. Tuttavia, praticare uno sport può essere una spesa importante da affrontare per i genitori, ma rimane una delle scelte migliori per i bambini. Nel caso in cui i costi superassero le proprie possibilità, si può pensare di affidarsi ad alcune aziende che offrono finanziamenti ad hoc per i lavoratori. Ad esempio, una soluzione può essere quella di richiedere una cessione del quinto, spiegata più dettagliatamente in alcune pagine online di settore. La cessione del quinto, infatti, prevede che il tetto massimo della rata da versare ogni mese sia inferiore o uguale al quinto del proprio stipendio. Tornando ai vantaggi, un altro particolarmente importante dato dallo sport riguarda l’autostima. Il bambino sportivo, infatti, si sentirà apprezzato e necessario al gruppo, aumentando così la fiducia e la consapevolezza di sé.

Alcuni sport adatti ai bambini

Rendersi attivi fin dalla giovane età, serve a mantenere abitudini sane per tutta la vita. Tra gli sport più adatti ai bambini vi sono: nuoto, judo, karate, pallacanestro e pallavolo. Il nuoto è lo sport per eccellenza poiché permette lo sviluppo armonioso di tutto il corpo. Questa intensa attività aerobica è, in realtà a basso rischio di lesioni, rendendola adatta a tutti i bambini anche quelli molto piccoli.

Le arti marziali come judo e karate, non sono solo uno sport fisico, ma forniscono anche importanti lezioni mentali ed emotive. Particolarmente adatti ai bambini intorno ai 7-8 anni, estremamente vivaci, questi sport permetteranno, d’imparare l’arte di difendersi con tecniche intelligenti, ma anche e soprattutto il rispetto per gli altri.

Pallacanestro e pallavolo sono sport di squadra, pertanto permettono ai bambini di sviluppare, oltre alla disciplina, anche un forte senso di condivisione e fratellanza. Tali sport sono adatti a bambini intorno a 7-8 anni di età poiché necessitano di un assetto neuromuscolare già plasmato.

Ultimi Articoli

I Tesori del Casentino: Sant’Antonio da Padova in una tela nell’Oratorio della Visitazione di Strada

Il 13 giugno, nella ricorrenza della morte, avvenuta nel 1231, si celebra Antonio da Padova, uno dei santi più amati, noto come Sant’Antonio dei miracoli,...

Una Academy da Freschi&Vangelisti per formare giovani talenti

L’INCISIONE CON IL BULINO, UN PERCORSO FORMATIVO INTERNO PER PORTARE NEL FUTURO ANTICHE TECNICHE DI LAVORAZIONE DEI METALLI Una Academy all’interno dell’azienda che offre...

Promuovere lo sport, l’inclusione e la crescita personale attraverso la pallavolo: ecco il successo del primo Volley Camp Arnopolis

Oltre 30 atleti sono impegnati da due settimane in un’esperienza unica siglata Vbc Arnopolis. A seguirli in questo percorso tre professionisti selezionati: Enrico Brizzi, futuro responsabile tecnico del settore giovanile...