Bibbiena, il museo diffuso della fotografia d’autore

Si tratta del progetto di una galleria fotografica a cielo aperto, costituito da quattro istallazioni permanenti che verranno inaugurate domenica 9 ottobre alle 11,30 presso il Centro Italiano Fotografia d’autore. Il museo diffuso, che verrà allestito, comprenderà una serie di installazioni fotografiche dislocate in punti nevralgici del borgo casentinese: spazi espositivi e spazi pubblici diventeranno patrimonio della collettività e dei visitatori ed andranno a creare un’ideale prosecuzione rispetto al tradizionale percorso di visita dei turisti. Il paese sarà arricchito da elementi che dovranno essere sia arredo urbano sia manifestazioni di cultura fotografica, mediante l’esposizione di immagini donate dai Grandi Autori della Fotografia Italiana. Sono già quattro le realtà del territorio che hanno aderito alla campagna del Comune dal titolo “Adotta una foto” realizzata in collaborazione con FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche). I soggetti – tra aziende e associazioni – che hanno “adottato” la foto sono Andrea Poggi, Domus Trend, Inplaf e Centro Creativo.

Chi fosse interessato ad investire su questo percorso di arte e di promozione turistica, può rivolgersi direttamente al Presidente della FIAF Roberto Rossi ai seguenti recapiti: 335-1373544segreteria@centrofotografia.org

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteBasso Casentino: un’altra novità in tema di fusioni
Prossimo articoloChiusi della Verna: partono le richieste di rimborso contro Banca Etruria
Maria Maddalena Bernacchi
Maria Maddalena Bernacchi, nata a Compito, Chiusi della Verna, vive e lavora tra Compito ed Arezzo. Negli ultimi anni dell’istituto magistrale “Vittoria Colonna” di Arezzo ha collaborato al settimanale “La Voce” ed al quotidiano “La Nazione”. Specializzata in fisiopatologia ha insegnato ad Arezzo per quarant’anni. Quale insegnante tutor di storia per il Provveditorato agli Studi di Arezzo ha tenuto corsi di formazione sulla didattica della storia contemporanea pubblicando “Il campo-profughi di Laterina” e “Dal locale al globale, esperienze per l’insegnamento della storia”. Per la nipote ha scritto e pubblicato “Ninne-nanne, filastrocche, proverbi e… Una nonna si racconta”. Collabora con Casentinopiù dal 2010, tenendo, con la figlia Silvia la rubrica “Storia e Territorio”.