Carlo Toni torna a scuola…

In occasione delle Festa della Toscana, il 30 novembre, come ogni anno l’Amministrazione comunale di Poppi ha incontrato gli scolari delle scuole primarie nel salone delle feste al castello dei Conti Guidi, un’occasione di riflessione e confronto con i ragazzi sui temi che riguardano aspetti e valori fondamentali della vita di una comunità. Durante l’incontro gli scolari della 5a “A” e della 5a “B” delle elementari di Poppi consegnarono due buste, una per classe, contenenti una lettera indirizzata al Sindaco Carlo Toni con tante domande riguardanti il Comune, ad esempio la tutela dell’ambiente, la manutenzione del bene pubblico, la raccolta dei rifiuti, la promozione del territorio, il cinema, la piscina, le ciclopiste, le aree verdi. Il Sindaco prese l’impegno con gli studenti di discutere successivamente quegli argomenti, in un apposito incontro da organizzarsi a scuola. Così martedì scorso, insieme all’assessore alla pubblica istruzione e pari opportunità Lisa Bucchi, il Sindaco Toni si è presentato sui banchi di scuola. “Davanti avevamo le due quinte riunite”, è il racconto di Toni sui social. “E’ stato come un ritorno ai tempi dell’adolescenza, a quei ricordi di quando anche noi eravamo sui banchi, con la differenza che avevamo davanti a noi una trentina di ragazzi a rappresentare il futuro, le giovani generazioni, cittadini di oggi ma soprattutto di domani, in loro le nostre speranze, le nostre aspettative dove deporre la fiducia verso il tempo che verrà”. La discussione a detta del primo cittadino è stata piacevolissima, con tanta attenzione e partecipazione. “Per me è stata una mattinata particolare, diversa e così per Lisa Bucchi; ci siamo confrontati, raccontati in un’atmosfera serena, distesa, in un clima di spontaneità e sincerità come solo i bambini sanno creare. Abbiamo anche sorriso, ci siamo divertiti ma cercando di trasmettere gli elementi fondamentali, quelle regole da osservare e rispettare che sono basilari per una società civile che vuole migliorare e che vuole crescere insieme nei valori del rispetto reciproco, nei diritti ma anche nei doveri. I ragazzi sono stati fantastici, sui comportamenti delle promesse che puntualmente verranno verificate, ci siamo impegnati tutti ad essere più bravi di quanto in fondo già lo siamo. Posso solo ringraziare, per avere imparato qualcosa di grande che arricchisce lo spirito, umiltà e non ipocrisia, verità semplicità speranza. Un ringraziamento particolare alla preside e alle insegnanti”.
Comunicato stampa
Poppi, 15 marzo 2018