Castel San Niccolò, domenica 26 giugno ricordo della battaglia di Cetica

Manifestazione in omaggio ai caduti di un conflitto cruciale dell’ultima guerra

Domenica 26 giugno a Cetica (Castel San Niccolò) è in programma l’iniziativa dal titolo “Il giorno della memoria – Commemorazione della Battaglia di Cetica”. L’evento si svolge su due livelli distinti e paralleli: una escursione del ciclo “Cammina la storia”, promossa dall’Ecomuseo del Casentino, ci porta sui crinali del Pratomagno alla riscoperta dei luoghi della Resistenza. Ritrovo per i partecipanti presso l’Ecomuseo del Carbonaio, escursione con accompagnamento a cura di una guida ambientale e di uno storico. Conclusione alle 12 ai Bagni di Cetica, con testimonianza di un ex partigiano che ha preso parte alla Resistenza in Pratomagno. Al termine, servizio navetta per gli autisti. Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente al 320.0676766. La celebrazione Istituzionale prevede alle ore 10 la liturgia presso la Chiesa di Cetica in omaggio ai caduti della Battaglia. A seguire trasferimento in navetta a Bagni di Cetica e ricongiungimento con gli escursionisti. Alle 13:30 pranzo con prodotti tipici locali. Prenotazione necessaria al 328.7252458.
Da sempre la comunità di Cetica si distingue nel ricordo della “sua” battaglia, che avvenne il 29 Giugno 1944. Come quella di Civitella della Chiana, fu condotta da reparti speciali della Wehrmacht, nell’ambito della stessa operazione programmata nei documenti dell’esercito tedesco ora consultabili dagli storici. Dal 26 Giugno, il II Battaglione del 3° Brandenburg era in marcia per Strada in Casentino per rinforzare il Koruck 594 che avrebbe dovuto attaccare il 29 i partigiani a Cetica, distruggerli e proseguire per il Pratomagno e sbaragliare la brigata “Lanciotto” che al comando del noto capo partigiano “Potente” (l’eroe della Resistenza toscana Aligi Barducci) insidiava le vie di comunicazione tedesche del Casentino e del Valdarno. Ma per la prima volta le forze partigiane contrattaccarono infliggendo forti perdite ai tedeschi che all’alba, guidati dai fascisti locali, avevano attaccato sicuri del successo. Durante la tragica giornata rimasero uccisi 15 civili, e Cetica ebbe decine di case distrutte dalle granate e dagli incendi; i partigiani riportarono 14 caduti e molti feriti.
La commemorazione istituzionale che si terrà ai Bagni di Cetica alle ore 11,30 prevede l’introduzione a cura di Mauro Mugnai – ANPI Casentino e Claudio Rossi – Pro Loco “I Tre Confini di Cetica”; interventi di Donella Mattesini – Senatrice della Repubblica; Vincenzo Ceccarelli – Assessore Regionale alla mobilità, alle infrastrutture e all’urbanistica; Eleonora Ducci – Vice Presidente della Provincia di Arezzo e assessore Unione dei Comuni Montani del Casentino; Roberta Casini – Sindaco di Lucignano; Moreno Botti – Sindaco di Loro Ciuffenna; Claudio Maderloni, Comitato Nazionale ANPI. Responsabile per l’Italia Centrale; Luca Grisolini – ANPI – Comitato Provinciale di Arezzo; parteciperanno Fiorenzo Pistolesi – Sindaco di Ortignano Raggiolo; Mario Forciniti – Assessore Comune di Castel San Niccolò; Alessio Giuntini – Comune di Montemignaio; Carlo Toni – Sindaco di Poppi; Gianpaolo Tellini – Sindaco di Chiusi della Verna; Massimiliano Sestini – Sindaco di Castel Focognano, Delegazioni ANPI della Toscana.
Sarà presente Giuseppe Luzzi, ex partigiano. Al temine dell’evento, prima dei canti partigiani, verrà fatto un ricordo del comandante partigiano Licio Nencetti.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa