Dalla Regione due milioni e mezzo per le strade rurali

La Regione porge una mano agli agricoltori per sistemare le strade che attraversano i campi coltivati e per realizzarne di nuove si tratta del primo intervento di questo tipo con il quale vengono messi a disposizione per il 2016 due milioni e mezzo di euro, con contributi che copriranno l’intero ammontare delle spese sostenute.

La giunta regionale ha approvato la delibera, presentata dall’assessore all’agricoltura della Toscana Marco Remaschi e che fissa i paletti, per poi attivare successivamente il bando: il primo del genere, appunto. E’ un aiuto allo sviluppo agricolo e forestale, ma anche alla cura e difesa dell’immagine più tipica della Toscana. “Si tratta infatti di un aiuto – spiega l’assessore Remaschi – per realizzare vie rurali e forestali di libero accesso a superfici agricole. Vi potranno partecipare i privati, ma anche soggetti pubblici che quelle strade hanno in progetto di realizzare per più utenti”. Le vie oggetto di contributo dovranno essere aperte al pubblico. I contributi sono destinati anche a sistemare strade rurali inadeguate o poco sicure che già esistono, attraverso una migliore regimazione delle acque, con la posa in opera ad esempio di tombini, cunette e tubazioni che l’attraversino, realizzando guadi, ponti in legno o nuovi tracciati, rimodellando pure le scarpate con la costruzione magari di muri e muretti. “Il provvedimento – conclude Remaschi – si pone un duplice obiettivo: sostenere l’attività imprenditoriale agricolo forestale, ma anche contribuire al minuto mantenimento dei terreni e alla difesa del suolo, con vantaggi per tutti”. Il bando, che ora sarà comunicato all’Unione Europea per le necessarie autorizzazioni, è atteso per metà novembre.

CONDIVIDI
Articolo precedentePremio Nardi Berti, ultimi giorni per le domande di partecipazione
Prossimo articoloIn Toscana nessun aumento delle tasse regionali
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.