Definito il programma di “Oltreterra” 2017

Due giorni di lavori; tre tavoli tematici; una quindicina di soggetti coinvolti fra organizzatori e patrocinatori; sei condotte di Slow Food interessate direttamente; decine di partecipanti attesi al Centro Creativo Casentino di Bibbiena (Ar) per dare seguito agli impegni presi un anno fa e sintetizzati nei tre settori di lavoro, come manifesti per la diffusione di buone pratiche e nuove economie per questo lembo di Appennino. Sono solo alcuni dei numeri di “OLTRETERRA”, iniziativa che ritorna per la quarta edizione sotto l’egida di Slow Food, Legambiente e Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, tracciando tappe ulteriori di un cammino nato con gli “Stati Generali degli Appennini” del 2013.
Venerdì 3 e sabato 4 novembre, Oltreterra impegnerà tutti a nuove sfide, nuovi passi avanti, ulteriori scommesse per tre obiettivi fondamentali, che si riconoscono nei concetti di “buono, pulito e giusto”. I tavoli tematici si occuperanno di:
MENSE AGRICOLE – il territorio in tavola. Si lavorerà per dare un futuro alle aziende agricole appenniniche garantendo cibi di qualità agli alunni. Come? Lavorando alla stesura un bando e un capitolato d’appalto per le Amministrazioni Comunali che migliori la qualità del cibo nelle scuole, e apra un nuovo mercato, eticamente corretto, per le imprese di montagna.
FORESTAZIONE POSSIBILE – l’analisi della situazione a un anno dalla carta dei “Principi di gestione forestale consapevole e sostenibile” (o “Carta di Bagno di Romagna”); la meccanizzazione come alleato per abbattere i costi aumentando il valore; ma anche innovazione, formazione e sicurezza nella raccolta del legname con metodi tradizionali. Sullo sfondo c’è l’obiettivo principale, quello della proprietà, e successivamente quello della certificazione.
FESTASAGGIA: Confronto tra i soggetti aderenti al progetto, nato dall’esperienza della Comunità Montana del Casentino e oggi “esportato” in tutti i territori del Parco Nazionale. Il tavolo è chiamato a proporre le riflessioni sulla certificazione e su ulteriori, possibili diffusioni del progetto, per diffondere la cultura della valorizzazione delle tipicità locali e stagionali, ma anche un corretto uso delle risorse e trattamento dei rifiuti.
Per informazioni e iscrizioni rivolgersi alla Segreteria Organizzativa: Ceub tel. 0543 446500 – segreteria@ceub.it – www.ceub.it

25 ottobre 2017

Ultimi Articoli

Analisi e previsioni sull’economia tedesca: rallentamento e prospettive per il futuro

L'economia tedesca si trova attualmente di fronte a sfide significative, come evidenziato dalle previsioni per il 2024. Gli indicatori principali attualmente disponibili non indicano...

D.R.E.Am Italia compie 45 anni di vita

21 milioni di euro da finanziamento europeo portati sui territori in 20 anni di attività sul progetto LIFE insieme a altri partners D.R.E.Am  Italia, l’azienda...

All’Isis Fermi di Bibbiena la “Bottega dell’Arte”: un laboratorio di pittura per studenti con disabilità e una mostra

“Talvolta le magie sono più concrete di quello che si può pensare. La magia è quando alcune persone di buona volontà si mettono insieme...