E’ di Bibbiena la ricercatrice accoltellata nell’attentato in Finlandia

Si chiama Lisa Biancucci ed è originaria di Bibbiena, la ragazza rimasta ferita nel vile attentato terroristico avvenuto a Turku in Finlandia. Lisa, che è una ricercatrice universitaria di 34 anni, si trovava nel paese scandinavo per lavoro. La giovane, fortunatamente, non è grave e non è in pericolo di vita. E’ stata colpita ad una spalla e, già operata, si trova nel reparto di terapia intensiva del locale ospedale. L’attentato è avvenuto ieri pomeriggio quando un marocchino ha accoltellato alcune persone lungo la strada uccidendone due. Il giovane era arrivato in Finlandia nel 2016 richiedendo asilo politico. Ma, secondo alcuni media, le autorità l’avevano negato. L’attentatore, sempre secondo le forze dell’ordine, aveva nel mirino in particolare le donne. “Crediamo che le vittime siano state scelte a caso però il suo primo obiettivo erano le donne” – ha spiegato la portavoce della polizia Krista Granoth.

La casentinese ferita, Lisa Biancucci, si è laureata in Scienze dell’Educazione nella sede di Arezzo dell’Università di Siena e si è specializzata, conseguendo un master in Etnologia e Antropologia culturale nell’Ateneo senese. I genitori di Lisa sono già partiti per Turku, in Finlandia, per sincerarsi delle condizioni della propria cara e per assisterla.

 

 

Ultimi Articoli

Soci, un nuovo campetto da calcio per i piccoli della Casentino Academy

E’ stato inaugurato ieri con un piccolo torneo dei più piccoli, il nuovo campetto in erba sintetica reso possibile grazie alla collaborazione tra volontariato,...

Bibbiena, le proposte della Lista di Comunità per gli anziani

Anziani: luoghi, cura e compagnia Il progressivo invecchiamento della popolazione rappresenta una sfida crescente per molte comunità, e il Casentino non fa eccezione. Secondo i...

I Tesori del Casentino: la Pentecoste in un’opera del Morandini nella Propositura di San Marco a Poppi

La Pentecoste è una festa mobile che la liturgia cristiana celebra di domenica, quarantanove giorni dopo la Pasqua, per ricordare la discesa dello Spirito...