Ecomuseo, il progetto “Festasaggia” si presenta all’Europa

Dal 5 al 7 luglio, l’Ecomuseo del Casentino parteciperà al Forum Internazionale degli Ecomusei e dei Musei di Comunità, che si terrà a Milano nell’ambito della Conferenza Internazionale di ICOM: Musei e Paesaggi Culturali. “Un’occasione preziosa – dice Andrea Rossi dell’Ecomuseo del Casentino, ideatore e artefice dello sviluppo del progetto Festasaggia – per condividere esperienze e progettualità con colleghi provenienti da ambiti geografici e culturali tra i più diversi”. Il 6 luglio nell’ambito del Forum Internazionale sarà presentato da parte della rete italiana, il Manifesto Strategico degli Ecomusei Italiani del quale sono state gettate le prime basi a Poppi lo scorso anno. La realtà degli ecomusei italiani, formata da esperienze distribuite in numerose regioni, si è andata consolidando e strutturando attraverso la comunità di pratica “Local Worlds” – mondi locali, nata più di dieci anni fa. Tra gli obiettivi della rete: condividere esempi di buone pratiche di tutela, gestione e valorizzazione delle risorse tipiche e locali in un momento di forte tendenza alla globalizzazione ed alla massificazione dei gusti e dei prodotti, per tutelare quanto di più buono e saggio c’è spesso nelle piccole comunità periferiche. I criteri di Festasaggia sono perfettamente calzanti all’interno di questo percorso, e il ruolo del Casentino in questa rete internazionale è sicuramente di primo piano: tradizione, turismo responsabile, corretta gestione delle risorse e dei rifiuti, sono tutti canoni entro ai quali dobbiamo imparare a muoverci per non mettere a rischio la sopravvivenza non solo delle memorie ma anche del pianeta stesso. “Il 7 luglio – conclude Rossi – presenterò inoltre l’esperienza di Festasaggia – feste a misura di paesaggio, nell’ambito della sessione dedicata ai paesaggi culturali e sviluppo locale, fra le attività e buone pratiche. Sarà l’occasione anche per ribadire come l’esperienza abbia raggiunto spessore e risonanza grazie alla collaborazione con enti e soggetti che ne hanno condiviso valori ed obiettivi: le associazioni del territorio, Slow Food ed il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna nell’ambito del progetto “Oltreterra”.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa

Ultimi Articoli

Conferenza sindaci, eletto il sindaco di Sovicille: il commento di Vagnoli

“Ieri la proposta dell’Assessore Tanti che mi ha sostanzialmente scelto come il nome adatto per ricoprire il ruolo di presidente della conferenza aziendale dei...

Da oggi si può ottenere il marchio del Parco Nazionale Foreste Casentinesi: ecco come fare

Il marchio del parco nazionale delle Foreste casentinesi. Nel trentennale della sua istituzione, parte il progetto che permetterà all'area protetta di "consigliare" aziende agricole, strutture...

Torna il Carnevale di Rassina: tre domeniche di divertimento

Carri, maschere, stand gastronomiche e musica. Si parte domenica 5 febbraio. Dopo due anni di stop forzato a causa della Pandemia, è tempo di tornare...