Formazione antincendio: Pratovecchio Stia organizza corsi di prevenzione per “rischio elevato”

Sono più sicure le manifestazioni a Pratovecchio Stia. I volontari delle associazioni paesane hanno appena concluso, alla vigilia di una estate ricca di eventi e manifestazioni, un corso di formazione promosso dall’Amministrazione Comunale per formare addetti all’antincendio per il “rischio elevato”, richiesti dalle circolati prefettizie nell’ambito di iniziative pubbliche (come feste, sagre ed eventi vari).
Hanno aderito un gran numero di soggetti promotori di eventi, come ad esempio la Biennale d’arte Fabbrile, l’Associazione Pratoveteri (quella che organizza “Naturalmente pianoforte”), il GS Avis che a settembre ripropone la Straccabike, il comitato feste di Papiano, gli Arcieri di Palagio Fiorentino, Musicanti e tanti altri ancora. Sono complessivamente più di trenta i volontari che hanno seguito il corso, articolato in dodici ore di formazione in aula più quattro di esercitazioni, e terminato con un test teorico-pratico e l’attestato di idoneità rilasciato dal comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Arezzo.
La formazione è stata finanziata ed effettuata dal Comune di Pratovecchio Stia, i corso sono stati tenuti dal formatore abilitato Arnaldo Spigliantini, coadiuvato dagli altri dipendenti Francesca Del Cherico e Augusto Ristori, “Avevamo già fatto in passato questa iniziativa e l’abbiamo ripetuta e ampliata, perché riteniamo molto importante aumentare sempre di più il grado di sicurezza delle manifestazioni che vengono proposte nei nostri paesi, anche alla luce dei cambiamenti introdotti a livello normativo, oltre ad offrire una possibilità alla Associazioni di dotarsi di personale qualificato in modo gratuito ed agevolato, con un risparmio economico di oltre 17.000 euro e di tempi per la frequentazione”, ha commentato il Sindaco di Pratovecchio Stia Nicolò Caleri.
Un’ottima chance per le Associazioni che hanno aderito perché l’iniziativa è stata gratuita per i partecipanti, mentre corsi analoghi svolti privatamente arrivano a costare diverse centinaia di euro a testa, quindi per le associazioni un risparmio di denaro e tempo, con corsi svolti nel comune di residenza fuori dal normale orario di lavoro.

Comunicato stampa
Poppi, 12 maggio 2018

Ultimi Articoli

S.O.S. Alberi di Natale: devastante la siccità in Casentino

Montemignaio (AR), 16 agosto 2022 -  “Ci piacerebbe che la Regione Toscana potesse venire incontro anche a noi, come ha già fatto per altre...

Corsalone, casentinese arrestato per spaccio

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena nella loro attività di controllo sulle arterie principali della valle, in località Corsalone, hanno fermato un'auto sospetta con...

Incontri ravvicinati: intervista a Paolo Vanacore

Ho conosciuto Paolo Vanacore a Roma durante la presentazione di Achab, rivista letteraria uscita con il numero 100 dedicato a Pier Paolo Pasolini, su...