Il camper vaccinale fa tappa alla Baraclit di Bibbiena

Fino alle 18.00 di questa sera il Camper vaccinale della Asl Toscana Sud Est, rimarrà posizionato nel parcheggio dell’azienda Baraclit di Bibbiena a disposizione dei dipendenti, ma anche dei cittadini casentinesi e dei dipendenti di altre realtà imprenditoriali del territorio.

Il Sindaco Filippo Vagnoli commenta: “Ancora una volta il nostro territorio ospita il camper della vita ovvero il camper vaccinale. Un ringraziamento alla Baraclit che ha dato la sua disponibilità. Il camper sarà sul nostro territorio in altre due occasioni ovvero di fronte alla Confartigianato ad inizio ottobre, poi abbiamo fatto richiesta anche per l’11 ottobre ovvero in concomitanza della nostra Fiera. Questo per allargare il più possibile la vaccinazione anche alle persone che finora non hanno potuto farla per diversi motivi. Solo il vaccino ci porterà completamente fuori questa pandemia. Ricordo a tutti che oggi abbiamo solo 5 persone positive, lo scorso anno a questa data 5 volte di più con tutte le conseguenze che poi si ribaltarono da lì a poco sulla scuola e il mondo del lavoro. Quindi invito tutti a cogliere queste occasioni”.

Luca Bernardini Amministratore Delegato di Baraclit commenta: “Siamo molto lieti di poter ospitare il camper vaccinale, espressione di un accordo tra Asl Sud Est e Confindustria. Siamo contenti soprattutto di poter offrire ai nostri dipendenti e non solo, questa grande opportunità: vaccinazione ma anche informazione perché sono presenti medici a disposizione di tutti coloro che desiderano approfondimenti sui vaccini. Fin dall’inizio della pandemia, come Baraclit, siamo stati sempre molto attenti all’aspetto sanitario: la nostra famiglia è composta da 350 dipendenti più l’indotto e sappiamo bene l’impatto che potrebbe avere sul territorio un focolaio interno. Quindi già dallo scorso anno ci siamo organizzati con i tamponi periodici e oggi siamo a sostenere la campagna vaccinale nella speranza di poter coinvolgere i pochi indecisi rimasti”.

Il dottor Marco Feri della Misericordia di Arezzo commenta: “Un grazie e complimenti all’azienda Asl per aver promosso questo modo di essere vicino al cittadino. Un’iniziativa supportata da noi della Misericordia dal punto di vista logistico e di strumentazione con un sistema assolutamente sicuro per la gestione vaccinale. Il cittadino ha la possibilità di fare domande al medico vaccinatore e quindi avvicinarsi a questi aspetti con più tranquillità e consapevolezza”.