In sella dal Casentino alla Maremma per rievocare la transumanza

A spostare le mandrie i nuovi transumanti: imprenditori, professionisti, impiegati che per 7 giorni vivono come nelle epoche passate. Venerdì sera il via da Pratovecchio Stia

Viaggiano in sella, percorrendo 30/40 km il giorno. Attraversano paesi e boschi per una settimana muovendosi lungo i sentieri che portano dal Casentino alla Maremma. Partono all’alba e cavalcano fino a sera, dormendo dove possono, mangiando quel che riescono.

Sono i moderni transumanti: professionisti, impiegati, imprenditori che lasciano fabbriche e uffici per vivere emozioni antiche ed esperienze dimenticate, mossi dalla passione per il mondo equestre e motivati dalla volontà di salvaguardare una delle tradizioni più tipiche della regione: la migrazione del bestiame prima dell’inverno verso aree dal clima più mite e dai pascoli più verdi. Diversa l’epoca, ma molto simili le modalità del trasferimento. Una decina di cavalieri, con una mula munita di campanaccio, conducono verso il mare una mandria di puledri selvatici che vivono allo stato brado. Ogni anno, dal 2009, lungo un percorso differente. Questa volta sono partiti da Pratovecchio Stia, che, venerdì sera li ha salutati con una grande festa, per arrivare ad Alberese: 270 chilometri da percorrere per portare a destinazione 13 animali, tra maremmani e tolfetani, poco avvezzi alla presenza dell’uomo.

Libero Mannucci, commercialista di Firenze dell’Associazione Cavalcanti per Tradizione racconta: “L’iniziativa è nata come rievocazione dell’uso pastorale dei sentieri utilizzati per la transumanza.  Ogni volta è un’avventura. Per una settimana viviamo con poco e di poco, sperimentando la dura vita di chi, in passato, questi trasferimenti li organizzava per necessità. Lo facciamo per testare la funzionalità dei percorsi storici al passaggio delle mandrie. Questa passione ci consente di conservare e tramandare una splendida tradizione che anche la Regione Toscana, insieme ai comuni interessati, si è impegnata a tutelare”.

 

Ultimi Articoli

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...

“La cultura della fatica”: il 19 giugno la presentazione del progetto al castello di Porciano

Il 19 giugno alle ore 17:30, presso il castello di Porciano, è prevista la presentazione del progetto "La cultura della fatica" promosso dall'Unione dei...

Tutto pronto per la Granfondo Città di Poppi: boom di iscrizioni

A una settimana dall’evento si può già dire che la Granfondo Città di Poppi sarà un grande successo. Il numero di iscritti ha già...