Monte Gabrendo, la fotogallery dei lavori di riqualificazione

Valentina Bisti, del Tg1, ha seguito le operazioni.
Nella mattinata di ieri ha avuto inizio la fase conclusiva degli interventi di riqualificazione ambientale dell’ex comprensorio sciistico del monte Gabrendo, all’interno del parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna.

Gli interventi di smantellamento dell’ex impianto sciistico, iniziati nell’estate del 2015, si sono conclusi con il trasporto a valle dei vecchi piloni dello skilift in disuso. Al fine di prevenire danni agli habitat prioritari della zona, il trasporto è avvenuto per via aerea con l’uso dell’elicottero del Corpo forestale dello Stato, specializzato anche in questo genere di attività di ripristino ambientale.
Nel corso dei lavori sono stati rimossi i piloni e le strutture in ferro e cemento dell’area di partenza e della zona di arrivo del vecchio impianto di risalita a servizio delle due piste che dal Monte Gabrendo conducevano a valle fino allo Chalet la Burraia. L’impianto, realizzato negli anni ’60 a fronte di una concessione non più in vigore, non è stato utilizzato per decenni. Da qui la decisione di prevederne lo smantellamento. Sono state rimosse anche vecchie strutture in legno situate ai lati delle piste in disuso.
Gli interventi, su progetto finanziato ed approvato dal Parco, sono stati condotti dall’UTB del CFS di Pratovecchio, grazie alla professionalità ed alla preparazione degli operai forestali. Coordinatore dei lavori è stato il vice questore aggiunto forestale Giovanni Quilghini, Capo dell’UTB – CFS di Pratovecchio.

Questo rilevante intervento, esempio di una azione concreta per la conservazione dell’ambiente e dei valori naturali del territorio, è il frutto della stretta collaborazione tra il CFS – UTB di Pratovecchio ed il Parco nazionale delle Foreste casentinesi.
Da qualche anno la sinergia è stata rafforzata dalla definizione di un protocollo d’intesa finalizzato al potenziamento delle capacità operative per l’attuazione di interventi di conservazione e valorizzazione del territorio.
Erano presenti anche gli agenti del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del CFS, del Parco, coordinati dal vice questore aggiunto forestale Marco Mencucci.

1.

DSC_0008Il presidente Santini con i Forestali

2.

DSC_0028Lo smantellamento dello skilift

3.

DSC_0039Santini intervistato dalla giornalista Rai Valentina Bisti

4.

DSC_0107L’intervento dell’elicottero

5.

DSC_0138L’elicottero sui prati della Burraia

Ultimi Articoli

Nuova Materna di Pratovecchio Stia, ci siamo: da novembre potrà ospitare i bambini

Il sopralluogo del sindaco Caleri e del dirigente scolastico Librizzi: “Soddisfatti, impegno rispettato”. I lavori di realizzazione della nuova scuola dell’infanzia di Pratovecchio Stia si avviano verso l’ultima...

L’estate dell’Ecomuseo entra nel clou: ecco gli eventi della settimana

Entra nel clou l’estate casentinese dell’Ecomuseo che in questa stagione mette in mostra i suoi tesori più nascosti, perché non c’è borgo, par quanto...

Mercoledì 10 agosto la presentazione di “Dodecaedro”, la svolta musicale di Nicolò Caleri

Si terrà mercoledì 10 agosto, alle ore 21:15, nella bellissima cornice dei giardini del Palagio Fiorentino di Stia, la presentazione del libro/cd Dodecaedro. Un...