Poppi e Cavriglia, una sinergia nel segno del Golf

 Nella foto: i Sindaci Toni e Degli Innocenti al centro dell’immagine, durante la premiazione del trofeo Caseificio di Talla.
L’occasione è stata la disputa del trofeo “Caseificio di Talla” al Golf Club Casentino, un’azienda che simbolicamente unisce territori che hanno molto in comune nella tradizione, nelle abitudini e nelle speranze di sviluppo.
All’ombra del castello di Fronzola i Sindaci Carlo Toni (Poppi) e Leonardo Degli Innocenti (Cavriglia) hanno parlato di possibili strategie comuni per uno sviluppo turistico nel segno del golf e delle sue potenziali attrattive.
“Proprio così – conferma Carlo Toni – perché Cavriglia ha da poco iniziato un percorso per sviluppare la pratica di questo sport, ha terreni adatti nella zona delle ex miniere e li ha messi a disposizione di appassionati, sta nascendo qualcosa di importante, e allora abbiamo scoperto di avere diversi punti in comune. Se non iniziamo mai a parlarne non concluderemo mai nulla, ecco perché abbiamo accolto l’invito del Golf Club Casentino e ci siamo offerti di partecipare alla premiazione di questa gara per poterci fermare a colloquio”.
Il Sindaco di Cavriglia ricorda “Che da noi è iniziato da poco un percorso che qui ha una storia trentennale. Andremo avanti passo dopo passo senza obiettivi precisi, ci sono disponibilità di terreni idonei di proprietà comunale, ci sono persone appassionate, teoricamente potremmo arrivare in futuro anche ad un impianto a 18 buche, non potrà essere il Comune a fare da solo tutto ciò che serve, ma è nostro dovere capire se ci sono possibilità da cogliere per sviluppare l’attività turistica in entrambi i comprensori, proprio sfruttando la vicinanza di strutture non concorrenziali ma complementari”.
Per adesso a Cavriglia c’è un campo pratica e uno spazio per l’insegnamento, i primi strumenti necessari a diffondere una cultura di massa per la pratica golfistica. “Dobbiamo toglierci dalla testa – conferma Luca Alterini diretto re del Golf Club Casentino – che questo non è uno sport elitario, ma uno strumento di forte attrazione turistica per milioni di giocatori in tutto il mondo. A Poppi e Cavriglia ci sono due casi più unici che rari di impianti di proprietà pubblica, che sono accomunati anche da una sostenibilità ambientale riconosciuta: Cavriglia per le energie alternative, Poppi per il corretto utilizzo dell’acqua. Poi ci sono territorio, tradizioni, gastronomia, insomma tutto quello che serve per iniziare un percorso comune”. Percorso che ha iniziato a muovere i primi passi proprio domenica 13 marzo.
 
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa
CONDIVIDI
Articolo precedentePratovecchio Stia, sarà presto introdotto il registro per i testamenti biologici
Prossimo articoloTennis, le “vecchie volpi” dell’AT Casentino colpiscono ancora
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.