Poppi, è tempo di restauri ad alcune opere nel centro storico

Il Castello dei Conti Guidi di Poppi, uno dei monumenti di principale attrattiva turistica nel Casentino, sta rifacendo il trucco ad alcune opere che ne adornano le antiche mura. Il “maquillage” è annunciato da un post su Facebook proveniente dalla Biblioteca Rilliana, nel quale si legge: “Finalmente – è proprio il caso di dirlo – è iniziato il restauro di tre opere di alto valore artistico e storico nel Borgo di Poppi. Le opere in questione sono il magnifico leone in pietra del 1426 posto sulla porta d’ingresso del Castello; la colonna del Marzocco fiorentino, opera in terracotta ubicata davanti all’ingresso del monumento; la lapide che riporta l’editto del 1739, promulgato da tale Cancelliere Omaccini, ormai quasi illeggibile, che indica i comportamenti idonei ed i divieti in prossimità del monastero, la lapide si trova in via Morandini sulla facciata del Monastero delle Camaldolesi a Poppi. I restauri sono stati affidati a due professioniste di grande esperienza, collaboratrici del prestigioso Opificio delle Pietre Dure di Firenze Il restauro di due delle tre opere è già in corso e si concluderà entro il prossimo Natale. I restauri sono stati avviati grazie alla sponsorizzazione di CEG Elettronica Spa ed alle donazioni di Cittadini benemeriti.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa

Ultimi Articoli

L’Ambito Turistico Casentino non si ferma: living lab con gli operatori

Dopo la progettazione per la partecipazione al bando regionale riprende l’attività con gli operatori, appuntamento con il Living Lab, strategie di ambito condivise, per...

Dall’Erasmus Plus alle panchine rosse contro la violenza sulle donne

Comune di Bibbiena, Istituto Comprensivo Dovizi, Lions Club e Rotary Club insieme per un progetto sul futuro Questa mattina alla presenza dell’Assessore alla Pubblica...

Alleanza Verdi Sinistra – Arezzo: “Contrari alla stazione alta velocità Medioetruria”

«Stazione “Medioetruria”, a chi serve un’altra stazione decentrata e collegata con treni lenti ad Arezzo, Siena e Perugia?» «Le richieste di costruire una nuova stazione...