Poppi, il paese ricorda le due guerre del Novecento

 
 
Sabato al Castello saranno presentati due volumi sui conflitti mondiali
Iniziativa dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci
 
Sabato 12 dicembre a Poppi, nel salone delle feste del Castello dei Conti Guidi (inizio ore 15, ingresso libero) si terrà la presentazione di due libri realizzati dalla locale Associazione dei Combattenti e Reduci. “Tra due guerre” è il titolo dell’incontro che ha un forte valore evocativo.
La concomitante ricorrenza dei 70 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e dei 100 anni dall’inizio della Grande Guerra, eventi ai quali anche Poppi ha pagato il suo pesante tributo di vite umane, ha portato infatti a racchiudere queste memorie in due volumi di particolare pregio e suggestione.
“Poppi un paese tra due guerre”, curato da Ildebrando Caiazzo, ricostruisce gli anni del primo conflitto mondiale ed il successivo ventennio. “Poppi 1944 – storia e storie di un paese nella Linea Gotica”, scritto da Alessandro Brezzi, divide il suo racconto fra la ricerca storica di fatti ed eventi di quel periodo tragico per tutto il comune di Poppi, da Badia Prataglia al Pratomagno, e presenta 36 testimonianze dirette dei momenti più significativi, storie spesso misconosciute eppure ricche di significati sia per il contesto locale che per lo svolgimento dei passaggi-chiave della Storia con la “S” maiuscola.
Fra gli interventi in scaletta quelli del Sindaco di Poppi Carlo Toni, del presidente della ANCR di Poppi Roberto Brezzi e di Sergio Paolieri, presidente nazionale dell’Associazione Combattenti e Reduci.
Sui volumi presentati ci saranno interventi degli autori e di Maria Giannini, insegnante del Liceo “Galileo Galilei” di Poppi che con i suoi studenti ha realizzato una mostra didattico – documentaria dedicata alla Grande Guerra, allestita nelle scuderie del Castello. 
L’attore Rolando Milleri e la fisarmonica di Sole Feltrinelli eseguiranno il commento narrativo e musicale ad alcune delle testimonianze dirette della seconda guerra mondiale racchiuse nel libro di Alessandro Brezzi.
 
  Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa