This is the end. Ecco l’incredibile “verbale” della Giunta dell’Unione del 31 luglio (“dimissioni Agostini”)

di Lista Civica Poppi Libera
Ieri sera su Teletruria, nel corso della puntata di Caffè Bollente, è andato in scena forse il capitolo finale dello spettacolo di ciò che la politica Casentinese è stata capace di produrre in questi ultimi mesi. Grazie PD!
Al netto di quanto ormai tutti sanno, si è aggiunto però un particolare degno di nota, ossia la diffusione del “verbale” della Giunta dell’Unione, documento in cui fu ratificato la presa d’atto delle dimissioni da Presidente del Sindaco Paolo Agostini. Secondo qualcuno.
Attendiamo fiduciosi che un tribunale amministrativo si pronunci sul punto della legittimità di detta procedura, ma è macroscopico quanto già è possibile  appurare leggendolo. 
Lungi dal dare giudizi che competono alla magistratura, il commento politico che facciamo è uno solo: MA È UNO SCHERZO?
Ci siamo quindi interrogati se fosse solo questo il famoso brogliaccio su cui erano raccolte le ultime memorie (per qualcuno) del fu Presidente ed incredibile ma vero, non c’è altro!
Può definirsi questo il verbale di una giunta di un ente pubblico, organo intercomunale di governo complesso come quello della gloriosa Unione, oggi impegnata secondo il suo ufficio stampa su tutti i fronti (ciclopiste, regolamenti edilizi di vallata, micro/macro ambiti, ristrutturazione delle piante organiche, ecc…)? Pasticci in ogni dove (manco fossimo in quinta elementare), senza protocollo, senza timbro e con un’autorità che certifica la data certa, il segretario, MA DI CHE?
Giusto ieri avevamo assunto l’impegno di andare a fondo sulla vicenda delle ex discariche comprensoriali confidando nella correttezza d’operato di un ente, che fra mille problemi, tutt’ora è nostro interlocutore istituzionale. Ma difronte a simili cialtronate cadono le braccia. 
Questi signori (molti dei quali percepiscono pure uno stipendio pagato da noi) stanno insultando la nostra intelligenza e vogliono pure avere ragione. CHE TORNINO A SCUOLA.
Dopo mesi di infiniti dibattiti di alta politica (ed a questo punto lo possiamo dire) fondati sul NULLA, questo è il ben servito. E ne fa le spese il cittadino. NOI utenti dell’Unione dei Comuni, che affidiamo in mano a questi amministratori che dimostrano tutta la loro abilità nel saper scrivere un semplice verbale manco fosse quello di un’assemblea di condominio, i NOSTRI SERVIZI!
DIMETTETEVI PER CORTESIA. Nel rispetto delle procedure ma soprattutto dei cittadini che vi guardano increduli.
#bastafuffaincasentino
 
 
CONDIVIDI
Articolo precedenteAl Teatro Dovizi i ragazzi del Liceo si domandano “Come salvare il mondo”.
Prossimo articoloCasentino, Dance Art tra le eccellenze della danza.
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.