Trail World Championships: “i badiani son mondiali!”

Il titolo mondiale del Trail di Badia Prataglia l’ha vinto lo spagnolo Luis Alberto Hernando trascinando la Spagna sul gradino più alto del podio della classifica a squadre. Ma il vero vincitore non è lui e non lo sono nemmeno i bravissimi atleti spagnoli. No, i veri vincitori di questo mondiale sono i badiani. Ed è per questo che abbiamo scelto una foto che ritrae tre delle persone che più si sono spese affinché questo evento di portata internazionale si svolgesse a Badia Prataglia e, soprattutto, riuscisse in questa maniera. All’indomani della splendida manifestazione, ma anche il giorno stesso, i commenti degli atleti intervenuti, degli spettatori, dei casentinesi tutti sono stati sempre gli stessi: grandi, grandissimi, eccezionali badiani! Commozione, emozione, partecipazione e la sensazione di essere al centro di qualcosa di veramente grande e importante, sono stati i sentimenti più diffusi. Sì, perché la bravura degli organizzatori è stata propria questa: non solo sono riusciti ad organizzare un evento che solo un anno fa faceva paura appena pensare, ma sono riusciti a coinvolgere e ad unire un paese intero come non si vedeva da anni. Tutti i badiani, infatti, si sono stretti intorno ai “capitani” del Comitato Organizzatore e hanno contribuito, ognuno di loro come poteva, affinché tutto si svolgesse alla perfezione e tutto il mondo parlasse di Badia Prataglia. E così è stato. Uno sforzo organizzativo immane, la determinazione di Dimitri Bonucci, di Riccardo Acciai, di Francesco Bussi (e citiamo solo i 3 della foto perché, altrimenti, dimenticheremo sicuramente qualcuno) la collaborazione di tutti (badiani, pro loco, forze dell’ordine, istituzioni, sponsor, etc.), hanno permesso di realizzare un evento che, siamo sicuri, verrà ricordato per molti anni. Certo, fare meglio di così sarà difficilissimo se non impossibile, ma l’entusiasmo dei badiani siamo sicuri ci stupirà ancora. E allora, in badiano, diciamolo: e nc’è niente da fare, i badiani son mondiali!