Un pensiero al giorno: “Cielo colorato”

Foto di Николай Оберемченко da Pixabay

Cielo colorato

Eri di tutti i colori,

infinite forme dipingevano una parte di te,

e tu apparivi felice.

Aquiloni giocosi sventolavano fra le nuvole

e ingombravano enormi pezzi di azzurro,

mentre i bambini lì sotto,

gridavano felici indicando col dito,

ciò che li rapiva dal cielo.

Era bello starli a guardare, ma soprattutto,

era bello guardare quei genitori

che con la scusa dei loro piccini, si divertivano,

cibandosi di quello spazio giocoso e variopinto.

I grandi alle volte hanno bisogno di un pretesto

per godere appieno del bello del mondo,

ed è un vero peccato

perché la parte bambina che si trova all’interno di ognuno di noi,

ne ha un bisogno infinito.

E allora, teniamo i nostri bambini per mano

e godiamo del loro vedere,

ma non perdiamo di vista che anche i nostri occhi

e il nostro cuore è assetato di infinita bellezza.

Che bella quella porzione di cielo imbrattata dagli aquiloni

e che belli gli occhi di quegli adulti,

che rivestiti di tanti colori,

erano ancora più belli di quelli dei bimbi…

 

A chi non sa guardare bene!

CONDIVIDI
Articolo precedenteVoci dal casentino: “Miss Tafferuglio e gli Operatori del sorriso”
Prossimo articoloSanità, Lega: “Finalmente la montagna ha partorito il topolino”
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.