Un pensiero al giorno: “La violenza”

Foto di Nino Carè da Pixabay

La violenza

La violenza degrada,

e non soltanto chi la subisce.

La violenza uccide nel corpo e nell’anima,

s’insinua fin sotto la pelle,

lasciando dei solchi profondi.

La violenza può esser verbale, quella che ti fa esplodere la testa,

oppure fisica, che ti segna per sempre, tatuandoti cicatrici,

spesso non visibili all’occhio.

La violenza può esser dettata dall’indifferenza,

o anche da chi dice di amarti, e ti prende un po’ in giro.

Violenza può essere un tradimento,

o, la parola insana emessa da un figlio.

Purtroppo la violenza più “aspra” appartiene agli umani

e noi umani siamo fatti di carne,

carne molliccia, talvolta,

di quelle carni che non tengono a bada gli istinti,

semplicemente, perché non ne sono capaci.

Alcuni elementi si sentono talmente forti e imbattibili

da pensare di potersi prendere tutto, senza tanti permessi,

perché magari, è solo così che possono possedere qualcuno.

Ma, la violenza, dovrebbe esser fermata, punita, messa a tacere,

non importa granché da chi venga perpetrata,

va messa a tacere!

Anche se proviene dal figlio di un Vip!