Unione dei Comuni e delega regionale sulla forestazione

Tellini: “Il Casentino non è interessato dalla redistribuzione delle ex funzioni provinciali”
 
“Confido che in futuro il ruolo delle Unioni dei Comuni in genere sia ancora più forte che in passato riguardo alla gestione territoriale della forestazione, e per quanto concerne il Casentino per il momento la redistribuzione delle funzioni finora in mano alle province non cambierà il nostro lavoro, essendo noi delegati direttamente dalla Regione alla gestione del patrimonio forestale”. Così il Presidente dell’Unione dei Comuni del Casentino Giampaolo Tellini commenta la notizia, di fonte regionale, che attribuisce all’Unione dei Comuni più vicina al capoluogo provinciale (nel caso di Arezzo dunque l’Unione del Pratomagno che ha al suo interno il territorio di Castiglion Fibocchi) le deleghe in materia di forestazione precedentemente in capo appunto alle province. “Prima che qualcuno possa fraintendere – precisa Tellini – voglio chiarire che questa redistribuzione non riguarda il patrimonio forestale del Casentino, gestito non attraverso la Provincia di Arezzo ma su delega regionale diretta, quindi l’Ente continuerà a svolgere questo lavoro come lo ha fatto fino ad oggi”. “Peraltro – conclude il Sindaco di Chiusi della Verna – il pacchetto di redistribuzione delle deleghe provinciali è ancora in fase di trattazione, quindi anche su altri argomenti è ancora presto per poter trarre delle conclusioni. Già dalla prossima settimana ci saranno incontri che potranno dirci di più sugli scenari futuri”.
Comunicato stampa
Unione dei Comuni
CONDIVIDI
Articolo precedenteFilippo Vagnoli eletto consigliere Anci Giovani
Prossimo articoloConsiglio dell’Unione dei Comuni, l’assemblea approva tutti i punti all’ordine del giorno
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.