Vivere e rivivere l’Arno, un grande evento a Pratovecchio Stia il 29 e 30 ottobre

Iniziativa nel quadro dei ricordi a 50 anni dall’alluvione del ‘66

Si intitola “Vivere e Rivivere l’Arno – la doppia veste del fiume che crea e distrugge” un evento organizzato in Alto Casentino che caratterizzerà l’ultimo fine settimana di ottobre, a pochi giorni cioè dal 50mo anniversario della grande alluvione del 1966. Famosa nel mondo per gli effetti catastrofici che ebbe a Firenze, l’alluvione iniziò naturalmente a monte, e furono proprio i paesi del Casentino, prima valle dell’Arno, a subire le prime conseguenze. Ma non solo di alluvione si parlerà nella due giorni dedicata al grande fiume: il Comune di Pratovecchio Stia, in collaborazione con il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna, la Regione Toscana, il Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali (GESAAF) e il Dip. di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università di Firenze (DICEA), il Corpo Forestale dello Stato UTB di Pratovecchio e l’Opera di Santa Croce, hanno pensato d fatto a due giornate dedicate interamente al fiume Arno. Un weekend di incontri, camminate, riflessioni e cultura nel Comune di Pratovecchio Stia che storicamente ha sempre avuto un legame indissolubile con l’Arno. L’iniziativa si inserisce nel progetto di Sviluppo del Turismo Sostenibile, “Casentino Slow”, nato dal protocollo d’intesa a firma di tutti i Comuni del Casentino, del Parco Nazionale e della Regione Toscana con gli Assessorati al Turismo e alla Mobilità.
Nel ricco programma di incontri, convegni, escursioni e così via,. una parentesi a parte è dedicata alla rievocazione storica del trasporto del legname dal Casentino a Firenze e Pisa lungo la Via dei Legni, prima con animali da traino e poi tramite la fluitazione sull’Arno. Con la collaborazione del Corpo Forestale, sarà ricostruito un “fodero” e ricreata l’atmosfera che per secoli ha caratterizzato il lavoro di molti Casentinesi. Tutti sanno, ad esempio, che le travature del Duomo di Firenze furono fatte con legnami del Casentino. Ma forse pochi sanno che anche il legno del croce del cristo del Cimabue, che si trova in Santa Croce, è Casentinese; per questo l’Opera di Santa Croce partecipa all’evento e si sta definendo la possibilità di esporre il fodero nell’ambito di una mostra. Forse altre novità verranno nel corso della manifestazione di sabato e domenica prossimi, per la quale per informazioni generali ci si può rivolgere al Consorzio Casentino Sviluppo e Turismo, tel. 0575/507245 – 0575/520511. consorzio@casentino.toscana.it

Poppi, 22 ottobre 2016.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa

Ultimi Articoli

Bibbiena, una targa per i 50 anni di attività di Gabriella e Sabrina di Soldani Gioielli

CONTINUA LA CONSEGNA DELLA TARGA ALLE REALTA’ ARTIGIANALI E COMMERCIALI DEL TERRITORIO. BIBBIENA SI DISTINGUE PER LA LONGEVITA’ DELLE SUE ATTIVITA’ Questa mattina è stata...

Nuova Materna di Pratovecchio Stia, ci siamo: da novembre potrà ospitare i bambini

Il sopralluogo del sindaco Caleri e del dirigente scolastico Librizzi: “Soddisfatti, impegno rispettato”. I lavori di realizzazione della nuova scuola dell’infanzia di Pratovecchio Stia si avviano verso l’ultima...

L’estate dell’Ecomuseo entra nel clou: ecco gli eventi della settimana

Entra nel clou l’estate casentinese dell’Ecomuseo che in questa stagione mette in mostra i suoi tesori più nascosti, perché non c’è borgo, par quanto...