“Da anni denunciamo con forza i disagi, gli enormi problemi quotidiani dei pendolari sulla linea ferroviaria Stia-Arezzo – afferma con forza il Consigliere della regione Toscana, Marco Casucci, della Lega -, l’Assessore regionale Vincenzo Ceccarelli non se la può cavare con indagini interne per un singolo episodio. Vogliamo un report preciso sugli investimenti fatti dalla Regione sulla linea e vogliamo avere un report sulle interruzioni e sui problemi che la linea ha patito e sta patendo. Si tratta di una mancanza di rispetto verso i cittadini costretti a spostarsi per lavoro. Nessuno può smarcarsi dalle proprie responsabilità, Ceccarelli non può chiedere cambi di passo e tirare in ballo esclusivamente le responsabilità di Lfi. Da casentinese, da ex presidente della Provincia di Arezzo, da assessore regionale ai Trasporti tutto questo non sarebbe dovuto accadere, tutto questo non è accettabile”.

Comunicato stampa
Lega – Regione Toscana
Firenze, 6 giugno 2019