“Le donne”: una poesia per dire no alla violenza sulle donne

Marina Martinelli

Le donne
Troppo cose si sono dette sulle donne
In realtà non dovremmo cercarne le giuste parole
Per raccontarne la storia
E basterebbe fermarsi a guardarle
Per accarezzarne l’essenza.
Le donne sanno amare fino a piegare sè stesse,
Sono capaci di vivere per un uomo
E poi guardarlo andar via.
Le donne sanno curarsi i lividi, le brutte parole, senza cessare d’amare.
Sanno aspettare la notte che una porta si apra nel buio e sanno capire quando non sono abbracciate.
Le donne sanno essere principesse ma anche soldati.
Sanno sfoderare la forza per salvaguardare i propri figli.
Le donne…
Le donne sono piegate all’attesa, piegate al dovere.
Sanno trasformare sè stesse e trasformarsi per te, chiunque tu sia!
Le donne sono fatte di pongo, morbide e malleabili, sotto dita che a volte non sanno,
Dita che appartengono a mani che sanno picchiare.
Le donne che sanno aspettare, abbassare lo sguardo se serve, ma sanno anche esser fiere le donne.
E tu ragazzo che ti senti possente, ricorda che la prima Donna che hai potuto toccare…
È stata tua madre!

CONDIVIDI
Articolo precedenteNo alla violenza sulle donne: le iniziative a Bibbiena e in Casentino
Prossimo articoloNasce Casentino Christmas Valley
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre 1964. Oggi vive e lavora a Poppi con la sua famiglia, condivide un salone di parrucchieria col marito Claudio Barolo e ha due figli che ritiene i suoi “gioielli”, Lenny di 31 anni e Claudia di 13. La sua più grande passione è la scrittura, infatti Marina ha pubblicato 3 libri, due, di brevi storie che raccontano le problematiche di tutti i giorni, raccontate in maniera tale che possano dare un messaggio anche ai ragazzi più piccoli. I libri di novelle si intitolano: “Le brevi novelle della Marina” e “L’uomo alla finestra”. A settembre di quest’anno ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Occhi cattivi”, una storia che lancia un messaggio forte e purtroppo attuale, infatti il libro parla di abusi ai minori. Marina collabora da anni con Casentino Più, un magazine locale casentinese che l’ha aiutata ad allenare la sua scrittura, dal quale trae grande soddisfazione.