Al via il progetto “Plastic Free” di Nuove Acque nelle scuole casentinesi

A Pratovecchio Stia, Castel San Niccolò e Montemignaio distribuite le prime 140 borracce.

Le scuole casentinesi aderiscono al progetto educativo di Nuove Acque: distribuite questa mattina le prime 140 borracce nei comuni di Pratovecchio Stia, Castel San Niccolò e Montemignaio. L’obiettivo è quello di promuovere tra le nuove generazioni scelte sostenibili, tanto facili da applicare quanto importanti per l’ambiente: bere l’acqua del rubinetto in borracce green, senza ricorrere alle ben poco sostenibili bottiglie di plastica. Tra studenti e insegnanti la distribuzione delle borracce in acciaio inox, leggere, resistenti e riutilizzabili, ha coinvolto 160 persone ed è avvenuta alla presenza del sindaco di Pratovecchio Stia Nicolò Caleri e del sindaco di Castel San Niccolò Antonio Fani. Per il momento sono state coinvolte le classi quinte delle scuole primarie e terze medie delle secondarie di tutti e tre i comuni, ma l’obiettivo è quello di coinvolgere tutti gli studenti degli istituti. “Un’iniziativa importante, che vede le amministrazioni comunale a fianco di Nuove Acque – hanno dichiarato i sindaci Caleri, Fani e Pertichini – la campagna “Platic Free” lancia un messaggio importante per l’ambiente, che deve necessariamente coinvolgere le scuole e i comuni affinchè ci sia un cambiamento nelle abitudini che parta proprio dai più piccoli. Un ringraziamento a Graziano Agostini, consigliere di Nuove Acque e al presidente Paolo Nannini che hanno partecipato all’iniziativa di questa mattina”. L’iniziativa “Plastic free” di Nuove Acque si inserisce in un più ampio progetto educativo per le scuole che coinvolge dirigenti, insegnanti, tirocinanti e – ovviamente – alunni, grazie anche all’utilizzo di una piattaforma online. L’obiettivo del progetto è quello di garantire agli studenti una conoscenza del ciclo dell’acqua e dei principi di salvaguardia ambientale mediante lezioni in classe tenute direttamente dal corpo docente durante tutto l’anno, affinché la sensibilità sul risparmio idrico sia parte integrante del curriculum di studio di ogni ragazzo. Il primo stock di circa 2000 borracce era già stato distribuito durante l’autunno ad alcune classi quinte delle scuole primarie del territorio e alle terze delle secondarie di I grado, in occasione di eventi ad hoc organizzati insieme all’Ufficio Scolastico Territoriale. La distribuzione di questa mattina invece rientra nel secondo stock e punta ad avere una copertura pressoché totale degli studenti degli ultimi anni di elementari e medie entro la fine dell’anno scolastico.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa